Il mistero dell’Apple Car: Hyundai ha fatto il passo più lungo della gamba? - CorCom

IL DIETROFRONT

Il mistero dell’Apple Car: Hyundai ha fatto il passo più lungo della gamba?

La società coreana fa nuovamente marcia indietro sulla notizia -valsa un salto del 19% in borsa – di trattative in corso con Cupertino, nota per essere molto riservata su collaborazioni e piani di sviluppo. Ora afferma di essere stata contattata da svariati partner per lo sviluppo di veicoli elettrici autonomi, con “discussioni alla fase iniziale”

08 Gen 2021

Veronica Balocco

Marcia indietro di Hyundai Motor dopo la dichiarazione che confermava le trattative con Apple sullo sviluppo di un’auto a guida autonoma. L’uscita, che aveva alimentato un’impennata di 8 miliardi di dollari nel valore di mercato della casa automobilistica coreana, viene ora indirettamente smentita da Hyundai, la quale afferma invece di aver ricevuto richieste di potenziale collaborazione da un certo numero delle aziende. Non sono state prese decisioni poiché le discussioni sono nella fase iniziale”, ha aggiunto.

Ripercussioni in borsa: il maggior salto dal 1988

Revisionando la sua dichiarazione per la seconda volta nel giro di poche ore, Hyundai ha dichiarato di essere stata contattata da potenziali partner per lo sviluppo di veicoli elettrici autonomi, senza fare alcun riferimento ad Apple. Le azioni di Hyundai sono aumentate del 19% (il maggior salto in borsa a Seul dal 1988) dopo che i media coreani avevano inizialmente riferito di colloqui con la società statunitense, e hanno ridotto solo leggermente i loro guadagni dopo che la dichiarazione che confermava le trattative è stata rivista.

quiz
[QUIZ] Sei pronto per garantire una customer connection eccellente?
CRM
Digital Transformation

La riservatezza di Apple: no comment sulla vicenda

Avendo inizialmente chiamato in causa Apple, Hyundai rischia ora l’ira del Big tech noto per la sua segretezza quando si tratta di nuovi prodotti e partnership. Con il lavoro di sviluppo ancora in una fase iniziale, Apple impiegherà almeno mezzo decennio per lanciare un veicolo elettrico autonomo, hanno detto a Bloomberg News alcune fonti vicine all’azienda. Ciò suggerisce che la società non ha fretta di decidere sui potenziali partner dell’industria automobilistica.
Apple, dal canto suo, ha rifiutato di commentare.

Apple è notoriamente riservato con dipendenti e fornitori. Nel 2018, ha ammonito i lavoratori per evitare che le informazioni interne sui piani futuri potessero trapelare all’esterno e ha sollevato lo spettro di potenziali azioni legali e accuse penali, affermando in una nota interna di aver “catturato 29 leaker” nell’anno precedente.

La necessità di un partner

Un’auto Apple potrebbe competere con i veicoli elettrici di Tesla e con le offerte di aziende come la nuova Lucid Motors e produttori affermati come Daimler e Volkswagen. La creazione di uno stabilimento automobilistico può costare miliardi di dollari e richiedere anni, ed è questo probabilmente il motivo per cui Apple sta trattando con svariati potenziali partner di produzione.

Apple ha bisogno di collaborare con una casa automobilistica perché non ha capacità di produzione e reti di vendita per vendere le sue auto”, ha affermato Lee Han-Joon, analista di Ktb Investment & Securities a Seul. “Non è possibile sviluppare rapidamente queste capacità, quindi Apple avrà bisogno di un partner per questo.”

Uno scenario in movimento

Anche altre aziende tecnologiche che cercano di espandersi nello spazio della guida autonoma hanno cercato partnership. Waymo, unità di guida autonoma di Alphabet, ha lavorato con Chrysler, mentre Amazon ha contattato Rivian Automotive per la collaborazione sui furgoni per le consegne.

Hyundai fornirebbe ad Apple un partner che sta già accelerando la spinta verso nuove tecnologie come le auto elettriche autonome. La casa automobilistica spenderà più di 60 trilioni di won (55 miliardi di dollari) in quell’ambito nei prossimi cinque anni e nel 2019 ha creato una joint venture da 4 miliardi di dollari con uno spin-off della General Motors. Prevede di lanciare il suo primo veicolo elettrico quest’anno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA