Informatica giuridica, a Fernanda Faini il Premio Vittorio Frosini - CorCom

LO STUDIO

Informatica giuridica, a Fernanda Faini il Premio Vittorio Frosini

Il riconoscimento assegnato per il lavoro di ricerca su “Data society. Governo dei dati e tutela dei diritti nell’era digitale”. In giuria Pietro Rescigno, Tommaso Edoardo Frosini e Vincenzo Zeno-Zencovich

23 Dic 2021

L. O.

E’ Fernanda Faini, docente di Diritto privato e Filosofia del diritto, a vincere la settima edizione del Premio Vittorio Frosini in informatica giuridica e diritto dell’informatica, promosso dalla rivista Il diritto dell’informazione e dell’informatica. La studiosa si è aggiudicata il riconoscimento per il lavoro di ricerca dal titolo “Data society. Governo dei dati e tutela dei diritti nell’era digitale”.

L’assegnazione del premio

La commissione, costituita da Pietro Rescigno (presidente), Tommaso Edoardo Frosini e Vincenzo Zeno-Zencovich, ha deliberato all’unanimità l’attribuzione del Premio a Faini, con la seguente motivazione: “Il lavoro della candidata analizza la società contemporanea e la sua qualificazione di società di dati, cioè fondata su quella moltitudine di dati informativi che connotano l’esistenza contemporanea in cui il diritto necessariamente deve adeguarsi per contemplarne e circoscriverne la portata tracciando confini a tutela dell’individuo”.

WHITEPAPER
Supply chain: come gestire l'effetto frusta.
Digital Transformation

La ricerca, ancora secondo il verdetto della giuria, “ha il pregio di offrire una indagine assai accurata del tema trattato con una sapiente organizzazione delle fonti e con interessanti e innovative proposte e riflessioni. Si tratta di un lavoro che si lascia senz’altro apprezzare, soprattutto per la sua originalità, e che merita un pieno riconoscimento quale significativo contributo agli studi di informatica giuridica e diritto dell’informatica”.

Il contributo di Frosini all’informatica giuridica

Il Premio, destinato a una tesi di dottorato in informatica giuridica e diritto dell’informatica presentata in un’università italiana o dell’Unione europea nel triennio antecedente al bando, è dedicato alla memoria di Vittorio Frosini in quanto “Maestro” e fondatore dell’informatica giuridica in Italia attraverso la pionieristica opera “Cibernetica, diritto e società” del 1968 e i numerosissimi studi svolti nell’arco di oltre trent’anni.

Fernanda Faini ha conseguito il Dottorato di ricerca in Diritto e nuove tecnologie nel 2018 presso l’Università di Bologna con la supervisione di Monica Palmirani. Il lavoro di ricerca successivamente è stato sviluppato ed è stato pubblicato nella monografia “Data society. Governo dei dati e tutela dei diritti nell’era digitale”, edita da Giuffrè Francis Lefebvre nel 2019 nella collana “Informatica giuridica”.

Il curriculum di Faini

Abilitata a svolgere le funzioni di professore associato di Diritto privato (entro cui è allocato il diritto dell’informatica) e Filosofia del diritto (entro cui è allocata l’informatica giuridica), Fernanda Faini è research fellow di Diritto dell’informatica presso l’Università di Pisa, dove è docente e membro del Centro interdipartimentale “Diritto e Tecnologie di Frontiera” (Detect), ed è professoressa a contratto di “Ict & Law” presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, campus di Piacenza; è, altresì, docente di “Diritto e nuove tecnologie” presso l’Università Telematica Internazionale Uninettuno.

In occasione dell’attribuzione formale del Premio, la Rivista Il diritto dell’informazione e dell’informatica promuoverà una giornata di studi a Roma in memoria di Vittorio Frosini.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5