Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL SONDAGGIO

Intelligenza artificiale, alle aziende piace ma ai cittadini crea ansie

Per il 69% dei tech executive Usa è la più grande rivoluzione tecnologica in atto, ma il grande pubblico teme impatti su lavoro ed equità sociale. E la mancata consapevolezza sulle opportunità rischia di accrescere il gap. Ecco i risultati dell’indagine Edelman

20 Mar 2019

Patrizia Licata

giornalista

Sull’intelligenza artificiale l’entusiasmo dell’industria della tecnologia si scontra con la diffidenza del grande pubblico. A svelarlo è un sondaggio di Edelman che ha indagato la percezione nei confronti di una delle più grandi rivoluzioni tecnologiche del presente e del prossimo futuro sottoponendo, nell’estate del 2018 e negli Stati Uniti, un questionario sull’AI e le sue applicazioni a due campioni, uno rappresentato dai top manager dell’industria tecnologica (300 tech executive) e un altro dalla popolazione generale (1.000 persone). I dati sono stati elaborati dall’Edelman AI Center of Expertise.

L’AI è il centro della prossima rivoluzione tecnologica: su questo punto concordano entrambi i campioni intervistati. Le percentuali variano dal 91% dei tech executive all’84% della popolazione generale. Molti si definiscono ottimisti sugli impatti a lungo termine dell’AI, tuttavia i top manager dell’industria tecnologica sono molto più positivi della popolazione generale. Il 69% dei tech exec definisce l’AI come la più grande rivoluzione tecnologica in atto, prima del cloud computing (58%) e dei Big data (50%).

A preoccupare il pubblico generale sono soprattutto gli impatti sul mondo del lavoro e l’equità sociale. L’AI beneficerà i ricchi e danneggerà i poveri, dice circa il 50% del campione nella popolazione generale; quasi l’80% si aspetta una reazione da parte di chi sarà danneggiato dalla tecnologia. Tuttavia, il 60% pensa anche che alla momentanea perdita di posti di lavoro seguirà, più in là nel futuro, la creazione di nuova occupazione.

Molti temono un “lato oscuro dell’intelligenza artificiale” – una preoccupazione condivisa sia tra top manager dell’industria che nel pubblico generale: circa il 70% parla di potenziale perdita di capacità intellettuali nell’essere umano, mentre le macchine prenderanno le decisioni al posto nostro, e circa il 70% teme l’isolamento sociale come conseguenza di un mondo dominato dai dispositivi connessi e smart, da cui dipendiamo al lavoro, a casa e nel tempo libero. L’intelligenza artificiale potrebbe sminuire la creatività e la libertà di pensiero umana, dice ancora il 70%.

WHITEPAPER
Trend AIOPs: come automatizzare l’intera catena del valore digitale? Scarica il white paper!
Intelligenza Artificiale

Molti temono che l’AI sia messa al servizio di governi autocratici per aumentare il controllo sulle persone tramite manipolazione dell’informazione. Il 51% del pubblico generale e il 45% dei tech executive si aspetta che audio e video deepfake, ovvero generati da programmi di AI, erodano la fiducia del pubblico in ciò che è reale; in entrambi i gruppi, un terzo pensa che tale fenomeno potrebbe portare a un conflitto.

Positivo il giudizio sui robot che danno assistenza agli anziani, rispondendo alle sfide dell’invecchiamento della popolazione: 76% della popolazione generale crede in questa applicazione. Negativo invece il commento sugli smart toy, che sia per i tech executive che per il pubblico generale potrebbero aumentare l’isolamento dei bambini e rappresentare anche un rischio per la privacy.

La curiosità e l’entusiasmo fanno, tuttavia, da contraltare alla paura: la maggior parte degli intervistati vuole capire dove ci porteranno le evoluzioni della tecnologia. A essere curioso è il 46% della popolazione generale (come il 50% dei tech exec); il 32% è ottimista (come il 49% dei tech exec) e il 31% entusiasta (contro il 54% dei tech exec); il 59% è in qualche forma preoccupato (42% tra i tech exec).

Conoscere meglio le applicazioni dell’AI potrebbe aiutare: nel pubblico generale non è elevata la consapevolezza su come l’intelligenza artificiale viene usata, osserva lo studio Edelman. Se tutti conoscono, infatti, gli assistenti virtuali o i robot, molte meno persone sono consapevoli del fatto che l’AI si trova anche nelle app del ride hailing, nelle console per i giochi, nei droni e nel riconoscimento di voce e testo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
AI
I
intelligenza artificiale