Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

WEB SUMMIT

Intelligenza artificiale, il computer di Facebook penserà come noi

Il social network delinea la propria vision al Web Summit di Lisbona. Il cto Schroepfer: “Le nostre applicazioni saranno in grado di tradurre automaticamente i post, individuare i messaggi offensivi ed effettuare altre azioni ‘umane’. La strada è ancora lunga, ma la ricerca è già in uno stadio avanzato”

08 Nov 2016

An.F.

L’intelligenza artificiale è indubbiamente un acceleratore di innovazione e nuove esperienze. Molte sono le grandi web company che si stanno buttando su questo trend con progetti e iniziative. Tra queste c’è Facebook, che punta a creare computer che possano imparare, pianificare e ragionare come gli esseri umani.

Lo ha spiegato bene durante il Web Summit di Lisbona Mike Schroepfer, chief technology officer del social network: “L’intelligenza artificiale sta avendo grande impatto sulle nuove tecnologie che disegneranno le decadi future – ha spiegato Schroepfer elencando una serie di applicazioni a partire dallo stesso social network -. Aiuta a individuare i contenuti che violano le nostre norme della comunità, traduce automaticamente i post, classifica le storie nel flusso di notizie per mostrare agli utenti quelle più rilevanti”. Il manager ha poi spiegato che sul mobile si punta alle applicazioni del deep learning, che permette il controllo “basato sui gesti, riconoscimento delle espressioni facciali ed esecuzione di azioni connesse”.


Secondo Schroepfer, l’Intelligenza artificiale “traina l’innovazione nella realtà virtuale e nella connettività per il prossimo decennio” e cita alcuni esempi come la “tecnologia di stabilizzazione per i video a 360 gradi alimentata dalla visione artificiale”. Ma anche il lavoro del team di Applied Machine Learning sul riconoscimento vocale che “ci sta aiutando nella creazione di avatar più realistici e di nuovi strumenti di interfaccia utente per la realtà virtuale”, come i comandi vocali.

Riguardo la connettività, il manager di Facebook ha fatto riferimento ad Aquila, il drone solare che porta il web nei paesi poco sviluppati, e al sistema wireless a basso costo Terragraph. “Negli ultimi anni – ha poi concluso Schroepfer – lo stato della ricerca sull’Intelligenza artificiale è avanzata molto rapidamente ma c’è ancora una lunga strada da percorrere prima che i computer possono imparare, piano, e la ragione come gli esseri umani. Questa è la prossima frontiera”.

Articolo 1 di 3