IL NUOVO ELDORADO?

Intelligenza artificiale, Microsoft lancia il “copilota” per Bing e Edge

A poche ore dall’annuncio della piattaforma Bard da parte di Google che punta a contrastare ChatGpt, il colosso di Redmond controrilancia con nuove e avanzate funzionalità. Nadella: “L’AI cambierà radicalmente ogni categoria di software, a partire dalla più grande di tutte: il search. Aiuteremo le persone a ottenere di più dalla ricerca e dal web”

Pubblicato il 08 Feb 2023

Domenico Aliperto

artificiale-intelligenza-AI-robotica

La corsa all’intelligenza artificiale accelera di giorno in giorno. A meno di 24 ore dal lancio ufficiale di Bard da parte di Google, Microsoft annuncia l’introduzione della tecnologia di ChatGpt all’interno del suo motore di ricerca Bing e del browser Edge. “Un copilota per gli utenti che navigano sul web”, lo definisce Redmond, che promette risposte più complete a domande anche complesse, una nuova esperienza di chat e la possibilità di generare contenuti.

“L’intelligenza artificiale cambierà ogni categoria di software, a partire dalla maggiore, la ricerca. Oggi lanciamo Bing e Edge potenziati con l’Ai copilot e la chat, per aiutare le persone a ottenere di più dalla ricerca e dal web”, ha detto il Ceo di Microsoft Satya Nadella nel corso dell’evento organizzato nella sede di Redmond per annunciare le novità.

Cosa può fare adesso Bing

A entrare più nel dettaglio dei nuovi tool, ci pensa Yusuf Mehdi, Corporate Vice President & Consumer Chief Marketing Officer, che in un post sul blog aziendale spiega come ogni giorno vengano effettuate 10 miliardi di ricerche, ma si stima che la metà di esse rimanga senza risposta. “Questo perché le persone usano la ricerca per fare cose per cui non era stata originariamente concepita. È ottima per trovare un sito web, ma per domande o attività più complesse troppo spesso non è all’altezza”.

WHITEPAPER
Semplifica e accelera il Customer Journey nel Retail con l’AI
Machine Learning
Marketing analytics

Ecco perché “il nuovo Bing offre una versione migliorata della consueta esperienza di ricerca, fornendo risultati più pertinenti per topic semplici come i risultati sportivi, le quotazioni azionarie e il meteo, oltre a una nuova barra laterale che mostra risposte più complete, se lo si desidera”.
Il browser ora analizza i risultati provenienti da tutto il web per trovare e riassumere la risposta che cercano gli utenti. “Per le ricerche più complesse, come la pianificazione di un itinerario di viaggio dettagliato o la ricerca del televisore da acquistare, il nuovo Bing offre una nuova chat interattiva. L’esperienza di chat consente di affinare la ricerca fino a ottenere la risposta completa che si sta cercando, chiedendo ulteriori dettagli, chiarezza e idee, con collegamenti disponibili per poter agire immediatamente in base alle proprie decisioni”.
Il nuovo Bing, inoltre, è in grado di generare contenuti per aiutare gli utenti a scrivere per esempio un’e-mail, a creare un itinerario di viaggio, con link per prenotare trasporti e alloggi, a prepararsi per un colloquio di lavoro o a creare un quiz per la serata trivia, citando anche tutte le sue fonti, in modo da poter vedere i link ai contenuti web a cui fa riferimento.

Le nuove funzionalità di Edge

“Abbiamo aggiornato il browser Edge con nuove funzionalità Ai e un nuovo look e abbiamo aggiunto due nuove funzionalità: Chat e Composizione”, continua Yusuf Mehdi. “Con la barra laterale di Edge, è per esempio possibile chiedere un riepilogo di un lungo rapporto finanziario per ottenerne i dati principali, e poi utilizzare la funzione di chat per chiedere un confronto con i dati finanziari di un’azienda concorrente e inserirli automaticamente in una tabella. Potete anche chiedere a Edge di aiutarvi a comporre un contenuto, come un post su LinkedIn, dandogli alcuni suggerimenti per iniziare. Successivamente, è possibile chiedere a Edge di aiutarvi ad aggiornare il tono, il formato e la lunghezza del post. Edge è in grado di capire la pagina web in cui ci si trova e si adatta di conseguenza”.
La nuova esperienza Bing è, sostanzialmente, il risultato di una serie di innovazioni tecniche: il modello linguistico OpenAi di nuova generazione, “più potente di ChatGpt e personalizzato specificamente per la ricerca”, il modello Microsoft Prometheus che, combinato con quello precedente “consente di ottenere risultati più pertinenti, tempestivi e mirati, con una maggiore sicurezza, e l’applicazione dell’Ai all’algoritmo di ricerca principale, “che ha portato al più grande salto di rilevanza in due decenni. Grazie a questo modello di intelligenza artificiale, anche le query di ricerca di base sono più accurate e più pertinenti”.
Insieme a OpenAi, Microsoft sta infine lavorando “per affrontare questioni come la disinformazione, il blocco dei contenuti, la sicurezza dei dati e la prevenzione della promozione di contenuti dannosi o discriminatori”, per dare vita a sistemi di Ai responsabili by design, chiosa Mehdi.

E StMicroelectronics sfrutta l’Ia per progettare chip

Ma l’intelligenza artificiale fa passi da gigante anche in altri ambiti: lo specialista dei semiconduttori StMicroelectronics e lo sviluppatore di software per la progettazione di processori Synopsys hanno annunciato che StMicro ha utilizzato per la prima volta un software di Ai eseguito sul cloud di Microsoft per progettare un chip funzionante. Secondo StMicro, questo risultato aiuterebbe a risolvere il crescente problema di rendere pronti per i clienti progetti sempre più complessi in tempi accettabili.

Il colosso è in realtà una delle tante aziende che sta utilizzando l’intelligenza artificiale per sostenere la progettazione dei chip, che consiste nel tradurre una complicata architettura di circuito in un progetto per la fabbricazione di miliardi di transistor su un piccolo pezzo di silicio.
Synopsys ha dichiarato che un approccio simile è stato utilizzato per aiutare la progettazione di 100 diversi chip di Samsung Electronics, SK Hynix e altri da quando il programma è stato rilasciato per la prima volta nel 2020.
Il problema degli ultimi anni è che i chip sono diventati estremamente complessi, il che significa che trovare il progetto giusto richiede un numero sempre maggiori esperimenti. Ma le scadenze commerciali non si sono allungate: i clienti vogliono ancora un ritmo costante di nuovi chip anno dopo anno. Ul sistema di intelligenza artificiale aiuta così gli ingegneri a rispettare queste scadenze eliminando tutti gli esperimenti di progettazione che non porteranno al successo e indirizzandoli verso quelli che invece lo faranno.
Anche il cloud computing aiuta a ridurre i tempi. Shankar Krishnamoorthy, direttore generale del gruppo di automazione della progettazione di Synopsys, ha dichiarato che il motore di intelligenza artificiale dell’azienda ha ottenuto risultati migliori e più rapidi quando ha potuto contare su una maggiore potenza di calcolo. I fornitori di cloud come Microsoft offrono la possibilità di noleggiare un’enorme quantità di potenza di calcolo in breve tempo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 3