Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INIZIATIVA

Intesa Sanpaolo si dà al digital health e sfida il servizio sanitario pubblico

In collaborazione con il network di strutture convenzionate Previmedical, battezzato Xme Salute: consente di prenotare visite ed esami tramite app, sito web e call center. Accesso h24 e 7 giorni su 7. Previsti sconti sulle prestazioni mediche

12 Mar 2019

L. O.

Ecosistemi digitali in via di affermazione nel sistema di cura italiano. Una strada obbligata per un settore stretto da un lato dall’aumento delle aspettative di vita e del conseguente invecchiamento della popolazione, dall’altra dall’inadeguatezza del sistema pubblico sanitario di fronte all’incremento della domanda di cure.

Secondo i dati di Indagine Crea nel 2018 gli italiani hanno pagato di tasca propria 150 milioni di prestazioni sanitarie, con una media di 3,4 prestazioni a persona mentre la spesa sanitaria privata dal 2013 al 2017 è cresciuta del 9,6%: nel 2018 ha raggiunto i 40 miliardi di euro, con un esborso medio di 655 euro a persona. Ancora, l’attesa media per una prestazione nel pubblico è di 54,5 giorni a fronte di 5,7 del settore privato.

E’ per questo che Intesa Sanpaolo mette a punto in collaborazione con Previmedical (network di strutture sanitarie convenzionate) Xme Salute, servizio digitale che consente di prenotare visite ed esami tramite app, sito web e call center dedicato e che prevede una serie di sconti sulle prestazioni mediche. La banca conferma in questo modo “il suo impegno a 360 gradi – scrive l’azienda – per offrire ai clienti prodotti di protezione e servizi di qualità in risposta a un bisogno primario come quello della salute”.

Il servizio è completamente digitale, dalla sottoscrizione, all’utilizzo, al pagamento. Consente di effettuare prenotazioni, modificarle e annullarle attraverso una piattaforma unica fruibile via app e web, con accesso h 24 e 7 giorni su 7.

“Si tratta di un servizio estremamente innovativo – evidenzia Maurizio Cortese, amministratore delegato di Intesa Sanpaolo Smart Care -: la nostra app è uno strumento inedito che permette di prenotare una prestazione medica in modo molto semplice e consente ai clienti di risparmiare tempo e denaro”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

M
maurizio cortese

Approfondimenti

E
e-health
I
intesa sanpaolo

Articolo 1 di 3