Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

BILANCI

Intred, ricavi del primo semestre 2019 in crescita a doppia cifra (+21%)

L’operatore di Tlc registra un fatturato di 10 milioni di euro. Rispetto al 2018 i clienti sono aumentati del 20%. Trainano le vendite di connessioni in ultrabroadband (+48%)

02 Ago 2019

D. A.

Volano i ricavi di Intred, trainati dalla vendita di connessioni ultrabroadband e da un incremento a doppia cifra del parco clienti. Il Consiglio di Amministrazione dell’operatore di telecomunicazioni specializzato nella connettività delle reti in banda ultra-larga, banda larga, wireless, telefonia fissa, servizi cloud e accessori correlati, per clienti Business e Retail, ha esaminato il fatturato preliminare al 30 giugno 2019, non sottoposto a revisione legale, che risulta pari a 10,01 milioni di euro, in crescita del 21,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Intred è quotata da luglio 2018 sul mercato Aim Italia di Borsa Italiana e le sue attività sul territorio italiano si contraddistinguono per un’importante presenza in Lombardia.

Come anticipato, l’incremento è stato sostenuto principalmente dalle vendite di connessioni in banda ultra larga, che sono aumentate del 48% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; si registra inoltre una crescita significativa nel settore della telefonia (+17%). Si mantengono stabili i ricavi dei servizi da datacenter (Housing e Cloud) e accessori. Come previsto, sono in diminuzione il settore della banda larga (-9%), derivante da connettività basata su cavi in rame, e il settore Rdsl (-7%), in quanto la società sta fortemente incentivando i propri clienti a passare a connessioni in fibra ottica. Si rileva inoltre che il 94% dei ricavi deriva da canoni ricorrenti, che garantiscono all’azienda continuità ed agile visibilità sulle previsioni future. Il “churn rate” sul fatturato è pari al 4,5%. In crescita anche il numero di utenti con linee dati, passati dai 24.389 al 30 giugno 2018 ai 29.208 del 30 giugno di quest’anno (+ 20%).

“Continua il percorso di crescita di Intred avviato con la quotazione, i cui proventi ci hanno consentito di intensificare gli investimenti in tecnologia e innovazione”, dichiara in una nota Daniele Peli, Co-Founder e Amministratore Delegato di Intred. “L’aumento considerevole dei contratti di banda ultra larga, trimestre dopo trimestre, conferma che siamo nella giusta direzione e che stiamo riuscendo a cogliere tutte le opportunità che il mercato ci consente. Da sottolineare infine anche la crescita del settore della telefonia, segno evidente che l’azienda è diventata punto di riferimento dei nostri clienti in tutti gli ambiti delle telecomunicazioni”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3