IL PIANO

Italtel scalda i motori per il rilancio: ecco la strategia

Tre le direttrici: accelerazione sull’offerta di servizi di networking innovativi, sullo sviluppo di prodotti 5G e Open Ran e sulla progettazione specialistica per la banda ultralarga. L’Ad Stefano Pileri: “Aiuteremo a cogliere le opportunità del Pnrr”

15 Dic 2021

F. Me.

pileri

Si apre una nuova era per Italtel. Dopo che il tribunale di Milano ha omologato la procedura di concordato preventivo proposto dalla società nelle forme della continuità aziendale indiretta, la multinazionale scalda i motori per far partire la strategia di rilancio.

Tre sono le direttrici del nuovo piano industriale: l’offerta di servizi gestiti di ingegneria, di network operation e di network security, resi più competitivi da competenze di sviluppo software e di automazione di cui l’azienda dispone; l’accelerazione sullo sviluppo di prodotti software innovativi, dedicati a filoni quali reti di nuova generazione 5G e Open Ran;  l’attività specialistica di progettazione sulla banda ultra larga sia in ambito domestico, per il mercato degli operatori telco, delle aziende e della PA, sia in ambito internazionale.

“Italtel è fortemente impegnata nei grandi progetti infrastrutturali del nostro Paese e sta offrendo le proprie tecnologie e i propri servizi per lo sviluppo delle reti a Banda Ultra Larga e 5G che renderanno possibile l’evoluzione digitale delle imprese e del settore pubblico, consentendo all’Italia di cogliere le irripetibili opportunità che il Pnrr mette a disposizione – spiega Stefano Pileri, ceo di Italtel – Italtel di oggi trae forza da un percorso industriale che ha saputo esprimere indiscusso valore tecnologico ed eticità e si proietta verso il futuro avendo come obiettivi di operare per migliorare la competitività dei propri clienti e dei sistemi economici e di farlo agendo in modo sostenibile ed inclusivo. L’inclusione è il nuovo obiettivo della comunicazione che, nella sua accezione digitale, va oggi considerata come un diritto inalienabile di ogni persona”.

L’operazione di rilancio prevede un aumento di capitale di 56,3 milioni di euro con Psc che detiene il 53,66%, Clessidra Capital Credit il 28,62% e Tim, il 17,72%. In tale ambito, l’aumento di capitale per cassa è di circa 48 milioni di euro (di cui 29,9 milioni euro da parte di Gruppo Psc, 9 milioni di euro di Tim, e 8,7 milioni di euro di Clessidra) e quello per conversione crediti da parte di Clessidra e Tim è di ulteriori 8,5 milioni di euro.

Italtel entra dunque in un gruppo industriale importante, da cui possono derivare numerose sinergie, e dispone di una struttura finanziaria robusta in grado di sostenere i suoi piani di sviluppo.

“L’omologa del concordato conclude positivamente un iter complesso durato oltre un anno, durante il quale Italtel ha dimostrato forte tenuta, collaborando in modo costante con gli organi che hanno curato la procedura e che ringraziamo per la grande attenzione dimostrataci – commenta Claudio Calabi, Presidente di Italtel – Forte di una nuova compagine azionaria, cui va il nostro sentito ringraziamento per avere sostenuto il piano industriale e creduto nel valore di questa azienda, Italtel può proseguire un cammino industriale iniziato nel 1921 e sempre dedicato allo sviluppo e al miglioramento delle comunicazioni”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

S
Stefano Pileri

Aziende

I
italtel

Approfondimenti

F
Federica Meta

Articolo 1 di 2