Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CASO

Jeff Bezos divorzia e su Amazon è già bufera: terremoto azionario in vista?

La comunione dei beni prevista nello Stato di Washington potrebbe imporre al Ceo la cessione di metà dei titoli. I due continueranno a lavorare insieme al fondo Day One Fund

10 Gen 2019

Il divorzio di Jeff Bezos rischia di far finire nella bufera non solo il Ceo di Amazon. Ma la stessa Amazon, che potrebbe trovarsi a fare i conti con un cambio di equilibri nell’azionariato. L’amministratore delegato del gigante dell’e-commerce ha annunciato che divorzierà dalla moglie MacKenzie Tuttle. Non è chiaro però quali saranno i termini dell’accordo: secondo gli avvocati Bezos riuscirà a individuare un modo per mantenere il potere di voto su Amazon. Ma se la coppia depositerà la domanda nello stato di Washington (dove Bezos ha una casa e dove Amazon ha il quartier generale), i beni accumulati durante il loro 25ennale matrimonio saranno considerati in comunione di beni proprietà di entrambi, salvo accordi prematrimoniali (ma a una prima verifica pare non esistano). Questo significa che Bezos, che detiene una quota del 16,3% di Amazon ed è il maggiore azionista, in caso di divorzio contestato dovrà cedere alla moglie l’8,15%, con il rischio di uno sparigliamento di carte nell’azionariato.

La coppia più ricca del mondo si è formata 25 anni fa, e il divorzio può rivelarsi il più costoso della storia: Bezos vale 137 miliardi di dollari. La metà potrebbe andare alla moglie. Questo renderebbe MacKenzie la donna più ricca del mondo, ma strapperebbe a Bezos lo scettro di paperone mondiale restituendolo a Bill Gates. Secondo la legge vigente nello stato di Washington le proprietà e gli eventuali debiti accumulati nel corso del matrimonio saranno equamente divisi dal tribunale nel caso in cui non sia raggiunta un’intesa.

L’annuncio del divorzio è arrivato via Twitter. “Abbiamo deciso di divorziare e continuare le nostre vite come amici. Ci riteniamo estremamente fortunati a esserci incontrati”, è il comunicato postato da Bezos e firmato anche da Mackenzie, autrice di vari libri. Dal tweet trapela che la coppia ha intenzione di continuare a lavorare insieme, soprattutto sul fondo da 2 miliardi di dollari Day One Fund che hanno lanciato lo scorso anno. “Abbiamo avuto una vita meravigliosa come coppia sposata e abbiamo un grande futuro davanti a noi – spiegano Bezos e Mackenkie -. Anche se l’etichetta è diversa, restiamo una famiglia”.

Bezos e Mackenzie si incontrarono agli inizi degli anni ’90 mentre lavoravano all’hedge fund D.E. Shaw: si sono sposati nel 1993, poco prima della fondazione di Amazon, di cui Mackenzie è stata una delle prime dipendenti.

Ad essere preoccupati dal divorzio sono gli investitori di Amazon: anche con una quota dimezzata, comunque, Bezos resterebbe il maggiore azionista di Amazon, seguito da Vanguard con il 5,8%. Una riduzione della quota di Bezos avrebbe comunque una forte portata comunicativa.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
amazon
B
Bezos
D
divorzio

Articolo 1 di 4