WEB SEARCHING

La Bei punta 25 milioni su Qwant: Google ha un nuovo rivale?

La Banca Europea degli Investimenti investirà nel motore di ricerca franco-tedesco, creato nel 2011, che vuole fare concorrenza a Big G. Altri 25 milioni potrebbero arrivare entro fine anno

Pubblicato il 29 Ott 2015

Andrea Frollà

unione-europea-120618111657

Venticinque milioni di euro. Il finanziamento è di quelli grossi e l’investitore è uno di quelli che ci pensa bene prima di mettere mano al portafoglio. Stiamo parlando dei soldi che la Banca Europea degli Investimenti metterà nelle casse di Qwant, il motore di ricerca creato in Francia nel 2011 che vuole fare concorrenza al dominatore incontrastato del web searching, ovvero Google.

Dopo le risorse messe a disposizione a metà 2012 dalla società tedesca Axel Springer, che aveva acquisito il 20% del capitale della startup, adesso Qwant potrà contare su un finanziamento piuttosto ingente, che prevede l’ingresso della Bei in qualità di azionista e che non esclude un’ulteriore tranche da 25 milioni entro la fine dell’anno.

La compagnia franco-tedesca, presa come esempio dell’innovazione digitale europea anche durante la Conferenza Digitale che ha sancito il nuovo asse MerkelHolland sul tema, punta a declinare la propria piattaforma in altre lingue per uscire dal perimetro operativo attuale e lanciarsi con decisione sull’intero mercato europeo.

Il prestito servirà a far crescere un motore di ricerca che si è sempre definito “altamente performante, rispettoso della privacy degli utenti come della neutralità delle ricerche”.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 4