Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INNOVAZIONE

La corsa al fondo hi-tech di Sofbank, Apple scommette 1 mld di dollari

Si allarga la platea di investitori di Vision, fondo da 100 mld lanciato dal colosso giapponese per supportare l’innovazione ad alto contenuto tecnologico. Coinvolti Oracle, Qualcomm e Foxconn. Apple scommette 1 miliardo di dollari I

05 Gen 2017

Andrea Frollà

Apple, Qualcomm, Foxconn. E ora anche Oracle. Si allarga la platea di colossi tecnologici del maxi fondo Vision da 100 miliardi di dollari. Lanciato dal Gruppo di media e tlc giapponese Softbank a ottobre scorso, dopo essersi assicurato il sostegno dell’Arabia Saudita con una iniezione quinquennale da 45 miliardi di dollari tramite il Public Investment Fund, ha come obiettivo l’avvio di massicci investimenti nell’hi-tech. La stessa Softbank investirà direttamente nel fondo 25 miliardi di dollari, nell’arco dei prossimi 5 anni.

Il fondo dovrebbe essere tra i più grandi del mondo nel suo genere e dopo Apple che ha annunciato 1 miliardo di investimento ieri, Qualcomm e Foxconn, è pronto a fare la propria parte anche Oracle. Il Financial Times riporta infatti l’interesse del fondatore Larry Ellison a entrare nella squadra dei giganti e aggiunge che anche il Fondo sovrano di Abu Dhabi ha avviato colloqui per un investimento in Vision. La portata di fuoco del portafoglio potrebbe presto raggiungere l’obiettivo dei 100 miliardi di dollari.

In ogni caso, spiegano alcune fonti al Ft, alla luce del forte interesse riscontrato sinora il Fondo di Softbank rimarrà aperto a ulteriori investimenti fino alla fine di gennaio. A sorridere per la crescita della liquidità prevista per il fondo Vision è soprattutto il presidente americano Donald Trump, visto che a dicembre scorso il numero uno di Softbank, Masayoshi Son, ha promesso che avrebbe investito negli Usa metà della dotazione del Fondo, ossia 50 miliardi di dollari, supportando la creazione di 50.000 nuovi posti di lavoro.

Articolo 1 di 4