Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA CLASSIFICA

L’AI allarga il gender gap: la parità di genere è lontana di 108 anni

Il nuovo report del World economic forum denuncia progressi troppo lievi e un peggioramento del divario nell’era dell’automazione: i Paesi devono adottare misure proattive per garantire l’inclusione sociale

19 Dic 2018

E’ ancora allarme gender gap per il World economic forum: nessun passo in avanti nella partecipazione delle donne al mondo del lavoro nel 2018, mentre l’accesso delle donne all’istruzione e all’assistenza sanitaria e la partecipazione alla vita politica risultano in calo su scala mondiale. Di questo passo occorreranno 108 anni per chiudere il divario, afferma il nuovo Global gender gap report del Wef.

Nei parametri education, health e politics il gender gap nel 2018 si è allargato; qualche progresso si registra nell’allineamento degli stipendi delle donne a quelli degli uomini e aumentano le professioni in cui le donne sono rappresentate: rispetto al 2017 si registra così un miglioramento nella voce “economic opportunity”. Ma il progresso è lieve e le donne sono partite con uno svantaggio tale che serviranno 202 anni per ottenere la parità sul posto di lavoro, denuncia il report.

Il numero di donne che lavora resta inoltre molto inferiore a quello degli uomini occupati e l’era dell’automazione sta esacerbando il trend perché, si legge nel report, impatta soprattutto i lavori tradizionalmente svolti dalle donne. Allo stesso tempo le donne sono poco rappresentate nelle professioni che richiedono una preparazione tecnico-scientifica (le cosiddette materie Stem, scienze, tecnologia, ingegneria e matematica).

Quest’anno per la prima volta il report ha incluso un’analisi, condotta insieme a LinkedIn, del gender gap che si sta creando anche nelle professioni che richiedono competenze nell’intelligenza artificiale: le donne sono solo il 22% della forza lavoro nell’AI. Questo divario di talenti è tre volte più ampio che in ogni altra industria. Raramente nell’AI le donne ricoprono ruoli senior: si occupano prevalentemente di analisi dei dati, ricerca o insegnamento, mentre agli uomini vengono affidati compiti di sviluppo software, direttori dell’It e top management.

Poiché andiamo verso un’industria sempre più permeata di AI in ogni suo settore, il rischio è che il gender gap si aggravi, sottolinea lo studio, allargandosi ai segmenti manufacturing, hardware, networking, software, servizi It, sanità, istruzione.

Le donne sono sfavorite anche dalla mancanza di strumenti atti ad aiutarle a entrare o tornare nel mondo del lavoro, come asili nido o assistenza per gli anziani, visto che spesso la cura dei figli e dei familiari pesa sulle donne. Gli investimenti in istruzione e skill digitali devono tener conto di questi elementi o saranno vani, ammonisce lo studio.

Nella usuale classifica dei paesi più o meno virtuosi in termini di gender gap, l’Islanda figura al primo posto per il decimo anno consecutivo; nella top ten seguono Norvegia, Svezia, Finlandia, Nicaragua, Ruanda, Nuova Zelanda, Filippine, Irlanda, Namibia.

I paesi dell’Europa occidentale sono fuori dai primi posti, ma in media ben posizionati: la Francia è 12ma, la Germania è 14ma, la Gran Bretagna 15ma. Ai ritmi attuali di miglioramento, alla nostra macro-regione “basteranno” 61 anni per chiudere il gender gap. Al Nord America ne serviranno invece 165: il Canada è 16mo in classifica, ma gli Usa sono in 51ma posizione.

La Cina è la numero 103 mondiale, il Giappone è la 110, l’Arabia Saudita è al 141mo posto. Alla macro-area Asia dell’est e Pacifico serviranno 171 anni per chiudere il divario.

Troppi anni comunque anche per i paesi testa di serie: “Le economie che avranno successo nella quarta rivoluzione industriale saranno quelle più in grado di sfruttare tutti i talenti a disposizione“, ha dichiarato Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del Wef. “E’ essenziale adottare misure proattive a supporto della parità di genere e dell’inclusione sociale e superare le disparità esistenti in nome del benessere economico e sociale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
AI
G
gender gap
S
Stem
W
wef

Articolo 1 di 5