Le buste della spesa? Ve le consegnerà un robot - CorCom

ROBOTICA

Le buste della spesa? Ve le consegnerà un robot

Il progetto dei co-fondatori di Skype vuole fare concorrenza ai droni di Google e Amazon sulle spedizioni veloci. Già avviati i test dei prototipi, mentre nel 2016 partiranno i servizi pilota negli Usa e in Inghilterra

03 Nov 2015

Andrea Frollà

Ancor prima che i cieli delle nostre città vengano invasi dai droni in giro per consegnare i pacchi, la spesa a casa potrebbe arrivare da piccoli robot autonomi. L’idea è dei co-fondatori di Skype Ahti Heinla e Janus Friis che con la loro compagnia Starship Technologies hanno già avviato i primi test dei prototipi e sono pronti a far partire i servizi pilota nel 2016 in alcuni paesi, tra cui Usa e Regno Unito.

Gli automi, che saranno comunque supervisionabili dagli sviluppatori, hanno tre ruote per lato e potranno consegnare fino a due buste di acquisti in un range di tempo che oscilla dai 5 ai 30 minuti dal momento in cui partono dal centro di smistamento o dal negozio.

WHITEPAPER
La nuova frontiera del Cognitive Search. Ecco come evolve l'AI
Intelligenza Artificiale
Realtà virtuale

“Vogliamo fare per le consegne locali quello che Skype ha fatto per le telecomunicazioni” – spiega Heinla – “I nostri robot non inquinano i cieli, non volano e non sono droni”. Elettrici e a zero emissioni Co2, gli automi della Starship Technologies garantiranno un costo di spedizione che se confrontato con quello delle attuali alternative di consegna è minimo: inviare la spesa costerà fino a 15 volte di meno.

Per di più nessuno potrà rubarvi le buste, né durante il tragitto né all’arrivo: solo chi ha effettuato l’acquisto potrà infatti sbloccare il congegno tramite il proprio smartphone.