Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CASO

Libra ancora non “esiste” ma già spuntano truffe

La moneta virtuale di Facebook sarà sul mercato solo dal 2020 ma sullo stesso social, così come su Instagram e YouTube, proliferano pagine “fake” che ne propongono l’acquisto a prezzi stracciati

26 Lug 2019

F. Me

Libra non è ancora sul mercato – e forse lo sarà solo nel 2020 – ma già ci sono i truffatori. Sullo stesso Facebook ma anche su Instagram e piattaforme popolari come YouTube e Twitter stanno infatti proliferando apparendo diversi annunci che propongono l’acquisto di Libra a prezzi stracciati. In realtà sono truffe che servono a sottrarre soldi. A scovare le pagine false il Washington Post.

L’esca è rappresentata da inserzioni pubblicitarie che a prima vista sembrano legittime, con tanto di logo ufficiale dei social network. Una di queste è collegata ad un sito chiamato BuyLibraCoins.com. Oltre al Washington Post anche il siti specializzato in tecnologia TheNextWeb ha avvistato il sito-truffa con il dominio Calìbra.com, creato per apparire identico al sito ufficiale di Calibra.com, nome del consorzio che gestirà la moneta.

“Facebook rimuove le pubblicità e le pagine che violano le nostre politiche quando ne veniamo a conoscenza e lavoriamo costantemente per migliorare il rilevamento di truffe sulle nostre piattaforme”, ha commentato il social network al Washington Post.

Le pagine truffa su Libra sono apparse mentre Facebook sta affrontando le perplessità delle autorità americane sui suoi piani di criptovaluta. Che è stata anche argomento di discussione all’ultimo G7 di Parigi con i ministri delle Finanze che hanno espresso “preoccupazione” e la “necessità di agire rapidamente”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

F
facebook
L
libra
T
truffe