Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

POLITICA & REGOLE

Lobby, Google è big spender: investimenti in crescita del 38%

Seguono Facebook e Amazon. Le big tech sono tra i primi venti colossi aziendali Usa. L’incremento di spesa arriva a seguito della decisione dell’amministrazione Usa di aumentare i controlli e le tasse

10 Giu 2019

Antonio Dini

Un record per niente tecnologico ma che invece ha il sapore della politica “vecchio stile”. Google è la singola azienda che spende di più per le attività di lobby nei confronti del legislatore americano. Una goccia nel mare del fatturato della grande G, ma pur sempre un incremento del 38% rispetto all’anno prima, arrivando a quota 21,7 milioni di dollari (cifre che secondo la legge americana devono essere riportate con estrema precisione e rese pubbliche). Ma non c’è solo lei che dalla Silicon Valley e dintorni gioca la carta delle attività di lobby.
Infatti anche Amazon e Facebook sono tra le prime venti società americane per spesa in questo settore (ma non Apple), per cercare di influenzare a proprio vantaggio l’attività di scrutinio e regolamentazione delle attività dei colossi del mondo corporate americano.

Infatti, poiché le più grandi aziende tecnologiche statunitensi devono affrontare un esame sempre più approfondito da parte delle autorità di regolamentazione relative alle pratiche sulla privacy e al controllo del mercato, stanno spendendo molti più soldi per cercare di influenzare i legislatori. E nessuna azienda in America sta investendo più denaro in questi sforzi di Google.

L’anno scorso, la società ha speso 21,7 milioni di dollari in attività di lobbismo, secondo il Center for Responsive Politics. Per due anni consecutivi, è stato il massimo spender aziendale, superando i front runner tradizionali come Boeing e AT&T. Amazon e Facebook hanno anche loro raggiunto livelli record di spese sempre nel 2018.

Per anni, con le loro capitalizzazioni di mercato da record e la loro influenza sui consumatori, le più grandi aziende tecnologiche statunitensi si sono preparate per il giorno in cui le loro pratiche commerciali sarebbero state esaminate nel dettaglio. Sembra che quel momento sia arrivato. Nei giorni scorsi si è appreso che il Dipartimento di giustizia sta preparando una indagine antitrust su Google e che gli è stata data giurisdizione anche su Apple come parte di una più ampia revisione di “competenze” nel settore tecnologico. La Federal Trade Commission ha invece assunto la supervisione dell’operato di Amazon e Facebook.

Anche prima degli ultimi sviluppi normativi, i legislatori su entrambi gli schieramenti stavano aumentando la pressione sulle aziende tecnologiche. Uno dei più grandi critici è il senatore del Massachusetts Elizabeth Warren, un candidato presidenziale democratico, che ha promosso una campagna di “rottura della grande tecnologia”.
La spesa per il lobby da parte delle società tecnologiche è cresciuta costantemente negli ultimi anni ed è aumentata in particolare negli ultimi dieci anni. Nel 2009, Google aveva speso solo quattro milioni di dollari in attività di lobbying, una cifra che è aumentata di cinque volte prima dello scorso anno, secondo il Center for Responsive Politics.

La società ha iniziato a spendere di più per attività di lobbying nel 2011 e nel 2012 dopo che ha iniziato ad affrontare le sfide della FTC. Nel 2012, Google ha pagato più di 22,5 milioni di multe per saldare i rilievi della Federal Trade Commission relativi alla privacy e l’anno successivo ha accettato di cambiare alcune delle sue pratiche commerciali in seguito alla preoccupazione che la società stesse soffocando la concorrenza.

Amazon, che ha speso 14,4 milioni di dollari in attività di lobbying l’anno scorso, e Facebook, che ha speso 12,6 milioni, sono anche tra i primi 20 big spender statunitensi. I costi di Facebook sono aumentati del 45% dal 2016 e quasi del sessanta per cento dal 2009. La società prevede di essere multata per cinque miliardi di dollari a seguito di un’indagine della FTC iniziata dopo lo scandalo Cambridge Analytica dello scorso anno. La FTC sta infatti verificando se Facebook abbia violato un accordo del 2011 stipulato con l’agenzia che richiedeva di ottenere il consenso esplicito per condividere i dati dell’utente.
La spesa di Amazon è salita del 27% rispetto a due anni prima e quasi otto volte in un decennio.
Microsoft, invece, ha versato 9,6 milioni di dollari in attività di lobbying, rispetto a circa 8,7 milioni di dollari in ciascuno dei due anni precedenti. E Apple ha speso “solo” 6,68 milioni di dollari l’anno scorso, in lieve calo rispetto al 2017 ma ben al di sopra del 2016. Le due aziende stanno spendendo per problemi che vanno dalla concorrenza alla privacy.
Gli Stati Uniti sono molto indietro rispetto all’Europa. A marzo, Google ha ricevuto una multa da 1,7 miliardi di dollari dalla Commissione europea per la sua attività di “soffocamento” della concorrenza nella pubblicità online. Dal 2017, l’Ue ha addebitato all’azienda altre due multe per un totale di circa 8 miliardi di dollari per pratiche anticoncorrenziali.
Mentre la quantità di denaro che le grandi aziende tecnologiche stanno spendendo per attività di lobbying è una piccola parte delle loro enormi riserve di denaro, l’aumento delle allocazioni mostra che sono preoccupate che le decisioni prese a Washington potrebbero avere un impatto significativo sulla loro crescita futura.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

F
facebook
G
google
L
lobby

Articolo 1 di 5