Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

MERCATI

L’offensiva dei brand cinesi, fiato sul collo di Google e Apple. E Tencent sorpassa Facebook

Per la prima volta due aziende tecnologiche cinesi, Alibaba e il colosso del gioco online, irrompono nella classifica di BrandZ: “Potenza di fuoco competitiva nonostante la tensione commerciale con gli Usa”

29 Mag 2018

In due, per la prima volta. Sono Alibaba e Tencent i brand cinesi a fare per la prima volta irruzione nella classifica dei marchi più potenti del mondo stilata da Brandz. Facendosi largo tra gli “aficionados” Google, Apple & Co. In particolare la Alibaba di Jack Ma, che ha registrato un raddoppio del valore del proprio marchio a 113 miliardi di dollari, debutta nella Top Ten piazzandosi già al nono posto, prima cioè di At&T. Ma l’incursione più rappresentativa è quella di Tencent che, già entrata nel 2017 nella classifica, scala posizioni scalzando Facebook e piazzandosi al quinto posto prima di Google, Apple, Amazon, Microsoft.

In testa alla classifica ancora Google per l’ottavo anno consecutivo. Al suo brand viene attualmente attribuito un valore di 302 miliardi di dollari, in aumento del 23% rispetto allo scorso anno. Apple al secondo posto, seguita da Amazon, Micrososft, Tencent, Facebook, Visa, McDonald’s, Alibaba e AT&T.

Guidato da Ma Huateng il colosso cinese Tencent è specializzato in piattaforme per il gioco online, app, servizi di messaggistica istantanea e pagamenti online. Vanta una capitalizzazione di mercato di $ 490 miliardi, il che la rende più ricca di JPMorgan Chase.

L’ingresso delle due aziende nella top ten segna una svolta nel posizionamento delle aziende cinesi sui mercati internazionali, a dimostrazione del trend verso un superamento degli ostacoli che le separano dalla piena affermazione worldwide. “Le sfide che i marchi cinesi devono affrontare non sono affatto piccole – dice Doreen Wang, a capo di BrandZ – Una limitata popolarità dei loro marchi sui mercati internazionali, la mancanza di fiducia dovuta a storici problemi sulla qualità storica e la riluttanza dei marchi cinesi a investire in campagne pubblicitarie globali di grande impatto li ha messi finora in svantaggio rispetto ai concorrenti più affermati”.

Ma qualcosa sta cambiando, “in particolare tra i consumatori più giovani che si stanno innamorando dei marchi cinesi”. Nonostante la guerra commerciale Usa-Cina, i brand cinesi stanno guadagnando forza in altre regioni.

Potente piattaforma per l’e-commerce con ambizioni globali, Alibaba sta guadagnando terreno in Brasile, Cile e in altri paesi dell’America Latina, dove il suo market online AliExpress “sta rapidamente diventando la piattaforma leader di e-commerce”. Conta anche su una forte presenza in paesi come Israele, Spagna e Corea del Sud.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
BrandZ Top 100

Articolo 1 di 5