IL PIANO

Meta, Linework punta ad assumere parte i licenziati in Italia

Obiettivo della società fintech italiana è rafforzare e consolidare la capacità operativa sui mercati internazionali. Previste trattative con l’azienda e i sindacati. In ballo 22 professionisti

14 Nov 2022

Federica Meta

Giornalista

fusione-merger-accordo

Linework pronta ad assumere parte del personale licenziato da Meta. La società fintech italiana attiva nel settore della DeFi e Nft punta, in questo modo, a rafforzare e consolidare la propria capacità operativa sui mercati internazionali.

Le trattative

Le prime trattative saranno effettuate a livello italiano – che conta 22 professionisti licenziati – coinvolgendo i sindacati e, successivamente, i responsabili europei raggiungendo così i vertici di Meta per il confronto finale.

WHITEPAPER
Sai come implementare una rivoluzione dell’IT?
Digital Transformation
Software

Le professionalità ricercate saranno funzionali alle esigenze di sviluppo finanziario e commerciale di Linework, in linea con il piano di crescita della società, che mira a espandersi a livello europeo e globale. Per raggiungere gli obiettivi prefissati Linework, che ha già selezionando diverse figure, intende avvalersi di professioni di alto profilo, ben inseriti nel panorama digitale mondiale, come potrebbero essere i dipendenti di Meta.

“Siamo una società dinamica e in rapida espansione a livello globale, per questo miriamo ad assumere le migliori figure professionali disponibili sul mercato – spiega il ceo di Linework, Damien Foti – Il personale in esubero da Meta rappresenta un bacino di know how, competenza e visione che si sposano perfettamente con la nostra filosofia. Per questo siamo decisi ad avviare tutte le azioni necessarie affinché tali professionisti possano presto entrare a far parte della famiglia Linework”.

I tagli di Meta

Il 9 novembre Meta ha annunciato il licenziamento di 11.000 persone, circa il 13% della forza lavoro totale.  Sono inclusi nelle misure il taglio della spesa discrezionale e il congelamento delle assunzioni fino al primo trimestre del 2023.

“Voglio assumermi la responsabilità di queste decisioni e di come siamo arrivati qui. So che questo è difficile per tutti e mi dispiace particolarmente per coloro che sono stati colpiti”, scriveva Mark Zuckerberg.

I tagli decisi da Zuckerberg avverranno in tutta l’organizzazione, sia nei team che lavorano sulla famiglia di app sia nei team dei Reality Labs. Ma alcuni saranno colpiti più di altri, anche perché l’anno prossimo ci saranno meno assunzioni e si indirizzeranno in modo puntuale verso le aree di crescita. “Non si tratta del grande lavoro svolto da questi gruppi, ma di ciò di cui abbiamo bisogno per il futuro”, chiariva Zuckerberg.

“Fondamentalmente, stiamo apportando tutti questi cambiamenti per due motivi”, prosegue il ceo: “le nostre prospettive di entrate sono inferiori a quanto ci aspettavamo all’inizio di quest’anno e vogliamo assicurarci di operare in modo efficiente nelle due divisioni Family of Apps e Reality Labs”.

La società che controlla Facebook, WhatsApp e Instagram ha registrato utili per 4,4 miliardi di dollari nel terzo trimestre 2022 rispetto ai 9,2 miliardi messi a segno nello stesso periodo del 2021. Il gigante dei social network, di fronte a numeri di utenti stagnanti e a tagli ai budget pubblicitari, ha visto scendere le entrate a 27,7 miliardi di dollari dai 29 miliardi di dollari dell’anno precedente.

Le tutele per le persone licenziate

Il ceo ha anticipato che ogni dipendente interessato dai tagli riceverà un’email con i dettagli e i riferimenti di persone del management cui rivolgersi per ogni altro dubbio. Negli Stati Uniti i dipendenti licenziati riaveranno comunque un’indennità pari a 16 settimane di retribuzione base più due settimane aggiuntive per ogni anno di servizio, senza tetto. Il costo dell’assicurazione sanitaria sarà coperto per le persone e le loro famiglie ancora per i prossimi sei mesi.

Meta fornirà anche tre mesi di supporto professionale con un fornitore esterno, incluso l’accesso anticipato agli annunci di lavoro, e assistenza ai dipendenti che non sono cittadini americani ed erano in Meta col visto di lavoro.

Al di fuori degli Stati Uniti, il supporto sarà simile e seguiremo presto con processi separati che tengono conto delle leggi locali sul lavoro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

D
damien foti

Aziende

L
linework
M
Meta

Articolo 1 di 5