Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

RICERCA & SVILUPPO

Nokia in prima linea sul grafene

Incassati fondi Ue per 995 milioni per lo sviluppo di nuove soluzioni in ambito tecnologico legate al super-materiale, il più resistente sulla faccia della terra

01 Feb 2013

P.A.

Nokia a tutta birra per lo sviluppo di soluzioni tecnologiche basate sul grafene, il materiale più duro, sottile e resistente che c’è sulla faccia della terra. La casa finlandese ha incassato fondi freschi per 1,35 miliardi di dollari (995 milioni di euro) dall’Unione Europea, che serviranno a finanziare attività di ricerca e sviluppo sul “super materiale” nei prossimi 10 anni.

“Nokia è fiera del suo coinvolgimento in questo progetto, abbiamo grande esperienza in questo campo – ha detto Henry Tirri, Cto di Nokia – è dal 2006 che lavoriamo sul grafene”. Da allora, Nokia ha individuato “molteplici aree di applicazione di questo materiale in ambiot computing – aggiunge Tirri – abbiamo svolto un lavoro molto promettente ad oggi, ma sono convinto che le maggiori innovazioni debbano ancora essere scoperte”.

Oltre ad essere il materiale più duro sulla faccia della terra – 300 volte più duro dell’acciaio – il grafene è anche la sostanza dalla quale è stato realizzato l’oggetto più sottile mai creato dall’uomo – delle dimensioni di un atomo – è anche leggerissimo, durevole e poco soggetto al surriscaldamento.

“Dopo la rivoluzione industriale basata sull’acciaio, dopo quella basata sul silicio, adesso è il momento del grafene”, dice Jani Kivioja, responsabile ricerche presso il Nokia Research Center.

Argomenti trattati

Approfondimenti

G
grafene
N
Nokia
U
ue

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link