Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STANDARD

Open Fiber entra nella 5G IA, anche il mobile all’orizzonte

La società compartecipata da Enel e Cdp nell’associazione che punta a costruire consenso sulla nuova tecnologia e a favorirne lo sviluppo in Europa

26 Set 2017

Open Fiber, la società compartecipata da Enel e Cassa Depositi e Prestiti attiva in Italia nella realizzazione e gestione di una rete in fibra ottica a banda ultra larga, è da oggi un nuovo associato di 5G Infrastructure Association (5G IA), network che punta a costruire consenso sulla tecnologia 5G e a favorirne lo sviluppo in Europa.

5G IA rappresenta il settore privato all’interno di 5G Public-Private Partnership (5G-PPP), uno dei principali programmi di ricerca sul 5G a livello globale. Per questo, riunisce un vasto insieme di attori del settore digitale e delle telecomunicazioni, università, istituti di ricerca, piccole e medie imprese. L’associazione è impegnata in un’ampia gamma di attività in aree strategiche: progetti di ricerca e sviluppo, evoluzione tecnologica, standardizzazione, spettro di frequenza, collaborazioni con le imprese a livello internazionale.

L’ingresso nella 5G Infrastructure Association, che fa seguito all’apertura di una sede di rappresentanza a Bruxelles, testimonia l’attenzione di Open Fiber nei confronti delle Istituzioni europee e dell’industria di settore. L’azienda è inoltre uno dei primi operatori che effettuerà sperimentazioni sul 5G in Europa, nelle città di L’Aquila e Prato e intende essere protagonista della svolta che porterà cittadini e imprese a beneficiare di nuovi servizi nel campo della domotica, della logistica, dei trasporti e della produzione industriale.

Il 5G PPP nasce nell’ambito del programma dell’Unione Europea Horizon 2020. Si tratta di un’iniziativa condivisa dalla Commissione Europea e dalle industrie continentali del settore per sviluppare soluzioni, architetture, tecnologie e standard relativi al 5G. L’Unione Europea si è impegnata a investire fino a 700 milioni di euro nel corso del programma, mentre il settore privato punta a stanziare complessivamente almeno 3.5 miliardi di euro.

Il coinvolgimento diretto dell’Unione Europea punta a favorire le aziende europee nella ricerca e lo sviluppo del 5G e consentire così all’industria continentale di essere più competitiva a livello globale. L’obiettivo è confermare la posizione di leadership dell’Europa nelle aree in cui è già forte, oltre a crescere in nuovi mercati come le smart city, l’e-health e la mobilità sostenibile.

Con la convinzione che la rete 5G sarà in grado di rispondere alle necessità di diversi settori industriali, 5G PPP si rivolge in particolare a cinque settori chiave: automobilistico, salute, manifatturiero, energetico, media e intrattenimento.

Argomenti trattati

Approfondimenti

O
open fiber