Pochi "esperti digitali", pochissimi "campioni": così le imprese italiane si danno la pagella - CorCom

SCENARI

Pochi “esperti digitali”, pochissimi “campioni”: così le imprese italiane si danno la pagella

Ancora lunga la strada verso l’innovazione per il tessuto imprenditoriale: emerge dal sistema di autovalutazione lanciato da Unioncamere. Il segretario generale Giuseppe Tripoli: “Con l’assessment le aziende possono individuare i loro punti di forza e di debolezza sul fronte delle nuove tecnologie. E programmare gli interventi necessari”

17 Lug 2018

La competenza digitale prende piede nel tessuto imprenditoriale italiano. Ma la strada è ancora lunga. Solo l’8% delle aziende è esperto delle tecnologie 4.0, mentre solo il 4% può fregiarsi del titolo di “campione digitale”. Emerge dalla fotografia scattata da Unioncamere sulle 1.151 imprese che hanno effettuato il test di maturità digitale “Selfi 4.0”, strumento di autovalutazione messo a punto gratuitamente dalle Camere di commercio italiane.

A tre mesi dal lancio online del servizio su www.puntoimpresadigitale.camcom.it, i risultati del self assessment evidenziano 5 diversi profili di maturità digitale delle imprese: il 7% risulta “esordiente digitale”, cioè legato ad una gestione tradizionale dell’informazione e dei processi; il 49% è “apprendista digitale”: utilizza strumenti digitali “di base”; il 32% si classifica come “specialista” avendo digitalizzato buona parte dei processi; l’8% è “esperto”, ovvero applica con successo i principi dell’Impresa 4.0. Ma solo il 4% delle imprese viene promosso “campione” in quanto dimostra una buona digitalizzazione dei processi e ricorso a tecnologie 4.0.

L’iniziativa rientra tra i servizi offerti dalla rete degli 88 Punti impresa digitale (Pid) che il Sistema camerale sta realizzando per supportare i processi di digitalizzazione del nostro tessuto imprenditoriale. Il tool viene utilizzato soprattutto dalle imprese di piccole dimensioni con un fatturato che non supera i 2 milioni di euro (54%), in gran parte provenienti dal Nord (66%). Più della metà di queste imprese ha già fruito di agevolazioni previste dal Piano nazionale impresa 4.0.

WHITEPAPER
Come migliorare la redditività grazie alla digital transformation nel settore industriale
Digital Transformation
IoT

“Con l’assessment le aziende possono individuare i loro punti di forza e di debolezza sul fronte delle nuove tecnologie. E così possono programmare gli interventi necessari. I Pid delle Camere di commercio servono proprio a questo”, sottolinea il segretario generale di Uniocamere Giuseppe Tripoli.

Dalla fotografia risulta che molte aziende hanno già digitalizzato alcuni processi soprattutto con il ricorso a sistemi gestionali 3.0: quasi il 40 % utilizza sistemi Erp e Mes, mentre il 23% delle imprese usa sistemi di vendita online. Il ricorso alle tecnologie abilitanti del Piano Impresa 4.0 è ancora timido: il 6,8% delle imprese utilizza Industrial Internet e Internet of Things; il 5% fa uso di sistemi di manifattura additiva (stampanti 3D); solo il 4,2% ricorre a soluzioni per la manifattura avanzata (come i robot collaborativi) e il 4,1% utilizza sistemi di realtà virtuale e/o aumentata. Significativo, invece, l’uso di sistemi per la gestione e la protezione dei dati e delle informazioni: il 34,8% utilizza il cloud e il 29,4% garantisce la sicurezza delle informazioni affidandosi a sistemi di cyber sicurezza e business continuity.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

U
unioncamere