IL CASO

Privacy e fake news, l’Unione europea mette alle strette le big tech

Il Garante irlandese per la protezione dei dati invia a Facebook un ordine preliminare per sospendere i trasferimenti di dati relativi agli utenti europei negli Stati Uniti. E la Commissione Ue chiede maggior rigore anche a Google e Twitter sul fronte del contrasto alla disinformazione online

10 Set 2020

Domenico Aliperto

Un garante della privacy dell’Unione europea ha inviato a Facebook un ordine preliminare per sospendere i trasferimenti di dati relativi ai suoi utenti dell’Ue negli Stati Uniti. A dirlo è il Wall Street Journal, citando persone che hanno familiarità coi fatti. Si configurerebbe così una sfida operativa e legale per l’azienda che potrebbe costituire un precedente per altri giganti della tecnologia .

Cosa richiede l’ordine inviato a Facebook

L’ordine preliminare, hanno detto le fonti, è stato inviato a Facebook dalla Commissione irlandese per la protezione dei dati alla fine del mese scorso. È il primo passo significativo che le autorità di regolamentazione dell’Ue hanno compiuto per applicare una sentenza di luglio che la corte suprema dell’Unione ha emesso sul tema. Un dispositivo che ha limitato il modo in cui aziende come Facebook possono inviare informazioni personali sugli europei al suolo statunitense.

Cosa rischia ora la società di Mark Zuckerberg

Per rispettare l’ordine preliminare irlandese, Facebook dovrebbe probabilmente riprogettare il suo servizio per isolare la maggior parte dei dati che raccoglie dagli utenti europei, o interromperlo del tutto, almeno temporaneamente. Se non rispetta l’ordine, la commissione dati irlandese ha il potere di multare Facebook fino al 4% delle sue entrate annuali, ovvero fino a 2,8 miliardi di dollari.

Nick Clegg, il massimo responsabile delle politiche e delle comunicazioni della società di Mark Zuckerberg, ha confermato l’iniziativa intrapresa dall’autorità di regolamentazione della privacy irlandese ha suggerito.

E la Commissione europea ammonisce le Big Tech sulle fake news

Ma le grane per le Big tech americane non finiscono qui. Due anni dopo aver accettato un codice di condotta di autoregolamentazione per contrastare la disinformazione online, Facebook, Google, Twitter e altre società tecnologiche devono sforzarsi di essere più efficaci, ha ammonito oggi la Commissione europea. Le società, tra cui Mozilla e gli enti commerciali per l’industria della pubblicità, a cui si sono aggiunti successivamente Microsoft e TikTok, avevano infatti aderito al codice nel 2018 nel tentativo di evitare una regolamentazione più pesante. “Ci sono, tuttavia, diverse carenze nel codice a seguito di una valutazione del suo primo anno di attività”, avrebbe detto la Commissione, secondo un rapporto visto da Reuters. “Carenze che possono essere raggruppate in quattro grandi categorie: applicazione incoerente e incompleta del codice tra piattaforme e stati membri, mancanza di definizioni uniformi, esistenza di numerose lacune nella copertura degli impegni relativi al codice e limitazioni intrinseche alla natura di autoregolamentazione il codice”.

La vicepresidente della commissione per i valori e la trasparenza, Vera Jourova, ha chiesto ulteriori azioni per contrastare i nuovi rischi. “Poiché assistiamo anche alla comparsa di nuove minacce e attori, i tempi sono maturi per andare oltre e proporre nuove misure. Le piattaforme devono diventare più responsabili e trasparenti. Devono aprirsi e fornire un migliore accesso ai dati”, ha detto Jourova, che sta attualmente lavorando a un piano d’azione per rendere la democrazia più resiliente alle minacce digitali.

La Commissione è inoltre pronta a proporre entro la fine dell’anno nuove regole, denominate Leggi sui servizi digitali, che aumenteranno le responsabilità e la responsabilità dei social media per i contenuti sulle loro piattaforme.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5