Privacy, preoccupa la sicurezza dei dati bancari: un italiano su due teme il furto - CorCom

LO STUDIO

Privacy, preoccupa la sicurezza dei dati bancari: un italiano su due teme il furto

Secondo l’indagine YouGov commissionata da Google per il Safer Internet Day, nel nostro Paese cresce la consapevolezza sui rischi informatici e sulle buone pratiche da adottare online, pur essendoci ancora molta strada da fare: il 15% della popolazione ha subito attacchi sul proprio Pc, ma il 38% usa ancora la stessa password per accedere a servizi diversi

04 Feb 2019

Un italiano su due (il 51%) teme che i propri dati sensibili in ambito finanziario possano cadere nelle mani sbagliate. Lo rivela una ricerca commissionata da Google e realizzata da YouGov, i cui risultati sono stati resi pubblici oggi in vista del Safer Internet Day, la giornata mondiale per la sicurezza in rete che ricorre il 5 febbraio.

Secondo il sondaggio, il 14% della popolazione italiana si preoccupa anche per la sicurezza delle informazioni di carattere personale, come per esempio l’indirizzo di casa, mentre il 13% teme il furto di ricordi personali come le foto. Il 5% dichiara di avere remore rispetto alle email inviate ai colleghi e per la riservatezza della cronologia dei siti visitati. Il 54% degli intervistati avrebbe inoltre ricevuto e-mail di phishing, e se il 15% della popolazione dichiara di aver subito attacchi sul Pc (virus e malware) che hanno portato al furto o alla manipolazione di dati, il 13% del campione ha sperimentato accessi non autorizzati sui propri profili social o sugli account di posta elettronica. Secondo YouGov, l’8% degli italiani è stato vittima di tentativi di truffa.

Nel complesso, nel nostro Paese la consapevolezza dell’importanza di proteggere i dati personali sta crescendo, ma ci sono ancora margini di miglioramento: circa la metà del campione usa password specifiche per ciascuno dei servizi online, il 38% degli intervistati dichiara di utilizzare la stessa password per diversi servizi online o addirittura per effettuare tutti gli accessi. Quando si tratta di aggiornare le credenziali di accesso, circa un terzo degli intervistati (32%) cambia le proprie password ogni sei/12 mesi, il 27% ogni due/cinque mesi. Solo il 21% le cambia con frequenza mensile, e il 14% addirittura mai.

WHITEPAPER
Come semplificare il sistema di gestione delle identità digitali?
Sicurezza
IAM

Situazione in chiaroscuro anche quando si tratta di impostare un secondo livello di protezione per accedere ai propri servizi online: un intervistato su quattro non ha mai utilizzato la verifica in due passaggi, mentre il 43% l’ha impostata solo su alcuni account. Le cose non vanno meglio per quanto riguarda la mail di recupero, visto che più della metà degli intervistati non l’ha impostata o l’ha impostata solo per alcuni servizi.

Rispetto all’aggiornamento del vostro browser, se il 32% degli intervistati afferma di farlo una o più volte in un mese, il 19% ci pensa una volta o meno di una volta ogni sei mesi. Il 19% dichiara invece di non farlo mai.

@RIPRODUZIONE RISERVATA