Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA CLASSIFICA

Pubblicità, Italia quinta in Europa per ricavi da social

Al comando del ranking c’è il Regno Unito, che può contare su un volume d’affari da 2,44 miliardi di euro, quasi sei volte superiore a quello che si registra nel nostro Paese. Poi Germania, Francia e Spagna. Ultimo il Portogallo

07 Feb 2019

Antonio Dini

Metà classifica, ovvero l’ultima dei grandi. L’Italia nel 2018 ha generato ricavi da pubblicità sui social media (Facebook e gli altri, con l’esclusione di fatturato da membership o abbonamenti) pari a 474 milioni di dollari (poco più di 415 milioni di euro), secondo una indagine condotta da Statista con il suo Digital Market Outlook. In testa per il Vecchio continente c’è il Regno Unito, che raggiunge quota 2,78 miliardi di dollari (circa 2,44 miliardi di euro), cioè quasi sei volte il volume d’affari generato dall’Italia, ovvero più della somma di Germania, Francia, Spagna e Italia.

È tra l’altro proprio questo l’ordine dei più grandi paesi europei, con la Germania a quota 1,03 miliardi di dollari, seguita dalla Francia a 743 milioni e la Spagna a quota 487 milioni di dollari. Il resto della classifica vede Olanda, Svezia, Danimarca, Belgio, Finlandia e Svizzera, seguiti poi da Norvegia, Austria, Irlanda e infine Portogallo, quest’ultimo a quota 75 milioni di dollari.

Il modello di business dei social media si basa in gran parte sulle entrate generate dagli annunci pubblicitari. Tra gli altri scandali non legati alla pubblicità o al marketing, i siti di social media, come Facebook, sono stati sottoposti a un controllo approfondito su a chi vendono annunci pubblicitari e su come condividono i dati degli utenti con gli inserzionisti.

Nel complesso, la pubblicità sui social media mobili supera attualmente la pubblicità desktop e si prevede che lo smartphone rimarrà il dispositivo dominante per gli inserzionisti nel prossimo futuro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4