Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

BILANCI

Qualcomm, la guerra legale con Apple affossa i conti

Chiuso il terzo trimestre con un crollo degli utili del 40% e un calo di oltre 10 punti percentuali dei ricavi. Pesa il mancato incasso delle royalty garantite da Cupertino. Attesa per l’acquisizione di Nxp Semiconductors: manca ancora il via libera UE

20 Lug 2017

An.F.

Utili crollati del 40% a 865 milioni di dollari in 12 mesi, ricavi calati dell’11% a 5,37 miliardi e vendite giù di oltre il 40% nella divisione licenze a quota 1,17 miliardi. Si fa sentire in modo estremamente pesante sui conti del 3° trimestre di Qualcomm la disputa legale con Apple in merito ai brevetti. Il colosso di Cupertino ha recentemente bloccato il pagamento di licenze che in passato avevano sostenuto i bilanci del colosso dei chip e queste sono le conseguenze.

I numeri negativi sono comunque riusciti a superare le stime degli analisti, avvertiti con largo anticipo degli effetti potenziali del braccio di ferro legale con Apple, a cui si sono pure aggiunti vari gruppi manifatturieri di Taiwan. Al netto di voci straordinarie, gli utili per azione sono stati di 83 centesimi, in ribasso annuo del 28% ma sopra le previsioni del mercato per due centesimi. Il consensus sul fronte dei ricavi era per 5,3 miliardi di dollari. Per il prossimo trimestre Qualcomm stima ricavi in calo del 13% fra 5,4 e 6,2 miliardi, con un utile per azione in caduta di almeno il 39%.

Un fronte su cui Qualcomm si gioca la tenuta e la ripresa dei conti è l’acquisizione di Nxp Semiconductors, l’operazione da 39 miliardi di dollari che ha già ricevuto il via libera delle autorità di quattro giurisdizioni diverse incluse quelle Usa. L’Unione europea ha invece sospeso l’analisi del caso, in attesa di informazioni richieste a Qualcomm che rischia di versare 665mila dollari per ogni giorno di ritardo nella consegna. A complicare lo scatto M&A, rivela il Wall Street Journal, potrebbe aggiungersi anche una richiesta da parte dei soci di Nxp di un prezzo più alto per la vendita. In attesa dei conti, arrivati ieri a mercati chiusi, Qualcomm aveva guadagnato lo 0,87% a 56,78 dollari. Nel dopo mercato ha perso l’1,34%.

Articolo 1 di 3