Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

NUOVE TECNOLOGIE

Quando fiducia fa rima con innovazione

Il tempo trascorso con gli altri si riduce a beneficio dello scambio sulle community virtuali. I cambiamenti sociologici e psicologici in atto saranno al centro del convegno che si svolgerà a Expo 2015

01 Set 2015

Felicia Pelagalli, fondatrice di Culture Srl

Il n’y a aucun espoir de joie, sauf dans les relations humainesAntoine de Saint-Exupéry.

La vita è relazione. La frequenza dei contatti con gli altri e la qualità delle relazioni interpersonali sono elementi fondanti il nostro benessere e la nostra felicità.

Eppure accade qualcosa di strano. Il tempo trascorso con gli altri, con i nostri amici, si riduce sempre più. Se nel 1993 il 28,2% degli italiani nel tempo libero incontrava i propri amici tutti i giorni, vent’anni dopo, nel 2013, la percentuale scende al 19,5% (Fonte: Istat, Indagine multiscopo sulle famiglie: aspetti della vita quotidiana).

E si notano drastiche riduzioni soprattutto tra i giovanissimi: nel 2013 solo il 53% dei ragazzi/e tra gli 11 e i 14 anni ha incontrato gli amici tutti i giorni (era il 70,8% nel non lontano 2005) e il 58,4% tra i 15 e i 17 anni (era il 72,2% nel 2005).

Facebook, Instagram e WhatsApp sembrano dunque aver accolto un bisogno: hanno riempito un vuoto relazionale con nuove forme di contatto, con nuove modalità di amicizia e scambio sociale.

Ma cosa accade nel rapporto con l’altro, nella possibilità di fidarsi dell’altro? Solo il 20,9% degli italiani, dai 14 anni in su, ritiene che “gran parte della gente sia degna di fiducia” e ben il 77,3% dichiara che “bisogna stare molto attenti” (Fonte: Istat, Indagine multiscopo sulle famiglie: aspetti della vita quotidiana, anno 2013).

Si fidano meno le donne (19,6%) rispetto agli uomini (22,2%), con un preoccupante calo di fiducia nelle ragazze tra i 20 e i 24 anni (15,4%). Provano più fiducia nelle persone i laureati (31.6%), rispetto ai diplomati (23,3%) o a quelli in possesso di licenza di scuola media (17,7%) o di licenza di scuola elementare/nessun titolo di studio (15%); mentre aumenta la sfiducia nell’altro tra le persone disoccupate o in cerca di nuova occupazione (15,9%) e casalinghe-i (16,6%).

Bassa la fiducia nel sud Italia (17,1) e nelle Isole (17,3) rispetto al centro (22,7%) e al nord (22,8%). Il primato di fiducia nella gente va alla Provincia autonoma di Bolzano (34,5%), Trentino Alto Adige (32,9%), Valle d’Aosta (32,7%), mentre scende di molto in Sicilia (15,3%), Puglia (15,6%) e Campania (17,1%).

È forte il bisogno di ricostruire fiducia tra le persone. È forte la necessità di promuovere una rinnovata cultura di solidarietà e coesione sociale. La fiducia è il sentimento fondante i rapporti e i contratti tra esseri umani. La fiducia è la matrice essenziale della società. È avere aspettative positive in condizioni di incertezza. È pensare di avere un futuro migliore da costruire. Senza di essa il cambiamento e lo sviluppo virtuoso semplicemente non sono possibili.

Fiducia, innovazione e futuro sono parole fortemente correlate. La visione europea 2020-2030 di società digitale 5G prospetta piattaforme di costante comunicazione tra le cose e con gli esseri umani: smart grids, case connesse, intrattenimento, sanità digitale, trasporto sicuro e smart car.

Siamo nello scenario dell’internet delle cose, in città intelligenti, con case connesse, smart working, cittadini costantemente monitorati, nei loro parametri vitali, da orologi e dispositivi indossabili, collegati a “nuvole”, automobili dotate di sensori di percezione dell’ambiente circostante, costantemente connesse a informazioni su strade e traffico, che potranno sempre più fare a meno del guidatore.

Città in cui i consumatori saranno anche produttori di beni e servizi da condividere con gli altri. Non sarà più fondamentale il possesso, ma l’uso comune (come nel car sharing). Si tratta di un vero e proprio cambio di paradigma basato sulla collaborazione, l’apertura e le relazioni orizzontali.

E tutto questo non è pensabile senza avere fiducia nell’altro. Per guardare al futuro dobbiamo innanzitutto ricostruire fiducia nelle relazioni tra persona e persona, tra cittadini e istituzioni, tra consumatori e imprese. Ne parleremo il 23 ottobre al Convegno “InnovaFiducia”, organizzato da Culture in Expo 2015 a Milano.

Una nota finale riguarda la fonte dei dati riportati in questo articolo: tratti da I.Stat la banca dati delle statistiche prodotte dall’Istituto nazionale di statistica. È un interessante esempio di open data che rende le statistiche ufficiali liberamente accessibili a tutti i cittadini per ampliare e costruire conoscenza. Versione di prova suscettibile di miglioramenti nella fruizione del dato.

Articolo 1 di 3