L'ANALISI

Le web company brillano in Borsa, ma gli investitori temono contraccolpi

Il rally delle cinque maggiori società dell’S&P 500 – Apple, Amazon, Microsoft, Facebook e Google – potrebbe subire un’inversione di trend nel breve-medio termine. Molti i dossier legali e antitrust a carico delle big tech e il crescente inasprimento delle regolamentazioni nazionali si abbatterà inevitabilmente sul business

28 Ago 2020

Domenico Aliperto

Nonostante le difficoltà generate dalla pandemia di coronavirus, i giganti tecnologici statunitensi stanno dominando sempre più il mercato azionario. Performance che però – paventa Reuters attribuendo la preoccupazione ad alcuni investitori e analisti – potrebbero essere all’improvviso sgonfiate dalle accuse di pratiche commerciali sleali mosse da Antitrust, aziende e governi. Con un pesante capitombolo dei mercati.

Il rally delle società tecnologiche nell’indice S&P 500

Andiamo con ordine. Il valore combinato delle cinque maggiori società dell’S&P 500 – Apple, Amazon, Microsoft, Facebook e Google – è ora di oltre 7 trilioni di dollari, pari a quasi il 25% della capitalizzazione di mercato dell’indice. Prima dell’emergenza sanitaria, la quota non arriva al 20%. I crescenti prezzi delle azioni del quintetto riflettono ovviamente una transizione verso un’economia sempre più guidata dalla tecnologia, una corsa accelerata dall’epidemia di coronavirus e che ha fatto suonare diversi campanelli d’allarme. I legislatori statunitensi, oltre ad alcuni competitor (come Epic Games nei confronti di Apple, per esempio), accusano infatti le Big Tech di soffocare la concorrenza. E per l’appunto, secondo gli investitori, le società che hanno alimentato il rally azionario di quest’anno possono diventare il tallone d’Achille del mercato se un attacco legale diminuirà l’appetito per i titoli tecnologici. “Le persone vedono queste società come vincitrici e gli investitori sono disposti a pagare qualsiasi prezzo per possederle”, ha affermato Michael O’Rourke, capo stratega di mercato di Jones Trading. “Questo è sempre un rischio”.

I rischi per investitori e mercato

Molti investitori hanno per esempio scoperto che il taglio dell’esposizione alle azioni legate alla tecnologia ha limitato la performance del portafoglio a lungo termine. I Big Five hanno visto le loro azioni balzare del 22% o più a livelli record quest’anno, con Amazon in aumento dell’86%. In confronto, la performance mediana del titolo nell’indice S&P 500 dall’inizio dell’anno corrisponde a un calo del 4%. “L’aumento della quota di mercato delle società fornisce potenzialmente enormi opportunità a sostegno delle prospettive di crescita per molti anni”, ha affermato David Polak, direttore degli investimenti azionari di Capital Group, che possiede azioni di grandi società tecnologiche. Tuttavia, alcuni temono che un momento negativo delle azioni ampiamente detenute dalle società possa innescare violente oscillazioni in mercati più ampi. Gli analisti di Goldman Sachs hanno affermato in un recente rapporto che l’S&P 500 “non è mai stato più dipendente dalla forza continua dei suoi maggiori componenti”. Un altro rischio è un rimbalzo economico su vasta scala che aumenta gli utili delle società che hanno sottoperformato durante la pandemia, rendendo potenzialmente le loro azioni più competitive rispetto ai titoli tecnologici, ha affermato Edwin Jager, responsabile delle azioni fondamentali presso la società di hedge fund D. E. Shaw & Co.

Un cambiamento di opinione nei confronti della grande tecnologia potrebbe comportare un tributo relativamente più pesante sulle azioni delle società tecnologiche meno redditizie che si sono riprese a fianco dei giganti del mercato.

La stoccata di Epic Games ad Apple

evento - 6 novembre 09:30
La trasformazione digitale come architrave della strategia per la ripresa
Digital Transformation

L’ultima – o la prima, a seconda della prospettiva – minaccia è arrivata lunedì, nota Reuters, quando un giudice federale ha imposto ad Apple di eliminare temporaneamente il blocco di tutti gli account degli sviluppatori di Epic Games, in attesa di un’udienza completa sulla questione. È stata una vittoria parziale per Epic, che aveva definito le regole di Apple un abuso di potere e quindi una pratica anticoncorrenziale. La situazione di stallo si concentra sull’App Store di Apple, che costituisce il fulcro di un’attività di servizi da 46,3 miliardi di dollari all’anno e che ha contribuito a sostenere il prezzo delle azioni della società. Tuttavia, la decisione del tribunale di Apple di questa settimana potrebbe essere un assaggio di ciò che succederà ai giganti della tecnologia, la cui influenza è stata una delle poche questioni in grado di galvanizzare l’interesse bipartisan tra i legislatori.

“Si tratta solo della prima di molte battaglie all’orizzonte”, ha confermato Dan Ives, analista di Wedbush Securities. Alphabet, Facebook, Amazon e Apple stanno infatti affrontando una serie di indagini del governo federale sulle accuse di difendere ingiustamente la loro quota di mercato, con un contenzioso contro Alphabet possibile entro la fine dell’anno.

“Oggi pochi colossi dominano il loro settore e possono stabilire le regole dell’economia globale”, ha commentato il senatore statunitense Richard Blumenthal, un democratico che si è espresso apertamente sulle questioni antitrust. “Questo tipo di concentrazione è sempre pericolosa”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3