TELEMARKETING SELVAGGIO

Registro opposizioni, Giorgetti: “Già 1,2 milioni di iscritti”

Il ministro dello Sviluppo economico sullo strumento entrato in vigore il 27 luglio: “Grazie a questo semplice strumento, finalmente applicabile anche ai cellulari, tutti noi possiamo liberarci dalle telefonate moleste a tutte le ore con una semplice iscrizione. Dopo l’estate via alla campagna informativa”

01 Ago 2022

A. S.

Giorgetti

“È con particolare soddisfazione che ho accolto il dato delle iscrizioni al registro delle opposizioni: 1 milione e 200mila adesioni dal giorno della sua entrata in vigore, lo scorso 27 luglio“. Lo afferma il ministro per lo Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti in merito agli ultimi dati di adesione al registro delle opposizioni, al quale è possibile iscriversi dal sito www.registrodelleopposizioni.it oppure inviando il modulo Rpo compilato via mail a iscrizione@registrodelleopposizioni.it, o ancora telefonando al numero verde 800957766 da rete fissa o allo 0642986411 da cellulari. L’iscrizione, spiega il Mise, permette la cancellazione da tutti i data base pubblicitari in tempi molto rapidi, con le iscrizioni che vengono perfezionate in un giorno lavorativo.

“Quando ho annunciato la misura, alla fine di gennaio di quest’anno – spiega Giorgetti – dissi che il fenomeno delle telefonate pubblicitarie senza consenso era inaccettabile e doveva finire. Per questo fui promotore e firmai, a suo tempo, la norma. Grazie a questo semplice strumento, finalmente applicabile anche ai cellulari, tutti noi possiamo liberarci dalle telefonate moleste del cosiddetto telemarketing selvaggio a tutte le ore con una semplice iscrizione. Le nuove regole si applicano a tutti i call center che operano in Italia, compresi quelli che lavorano da paesi stranieri”.

Naturalmente – conclude Giorgetti – è uno strumento che andrà monitorato e dovrà essere flessibile a nuove eventuali esigenze sempre a tutela del consumatore ma anche degli operatori onesti che rispettano le regole. Auspico, anche per questa ragione, che arrivi al più presto il via libera della Corte dei conti al nuovo decreto tariffe che saranno più basse delle precedenti. Un segno di buona volontà da parte di questo ministero a sostegno delle imprese del settore. Dopo l’estate ci sarà anche un’importante campagna informativa con lo scopo di raggiungere la stragrande maggioranza dei cittadini che devono essere informati correttamente su questa norma di civiltà”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5