Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INNOVAZIONE

Robotica, si apre la caccia all’algoritmo “finale”

Alle “macchine” non basta più obbedire per eseguire dei comandi: per collaborare al meglio con gli esseri umani devono imparare a capire la ragione per cui devono eseguire un’azione. Uno studio pubblicato sulla rivista Nature Machine Intelligence spiega il nuovo trend della ricerca. Per l’Italia in campo la Scuola Superiore Sant’Anna e l’Università di Pisa

09 Ago 2019

F. Me

Ai robot non basta più obbedire per eseguire dei comandi: per collaborare al meglio con gli esseri umani devono imparare a capire la ragione per cui devono eseguire un’azione. È la nuova filosofia destinata a far convivere macchine e uomini nei luoghi di lavoro, nei locali pubblici e in futuro anche nelle case. A promuoverla, sulla rivista Nature Machine Intelligence, è la ricerca nata dalla collaborazione tra università britannica di Birmingham, Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna, Università di Pisa, la Queensland University of Technology di Brisbane e l’agenzia spaziale tedesca Dlr.

Quello che sta emergendo è che i robot hanno bisogno di conoscere la ragione per cui compiono un lavoro e se le condizioni in cui operano siano in sicurezza per loro stessi e per gli esseri umani con cui interagiscono. È in vista un cambiamento profondo nel mondo della robotica, come rileva il primo autore della ricerca, Valerio Ortenzi, dell’Università di Birmingham: un nuovo passo lungo la strada che punta a rendere più semplice la convivenza fra uomo e automi, inaugurata nel febbraio 2019 dallo stesso gruppo di ricerca.

“E’ necessaria una maggiore attenzione all’obiettivo dell’azione”, puntualizza Marco Controzzi, dell’Istituto di Biorobotica e responsabile dell’Human-Robot Interaction Lab della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Per esempio, “se il robot deve passare un cacciavite a una persona deve capire che la presa giusta è quella che lascia il manico libero in modo che l’uomo possa afferrarlo e utilizzarlo facilmente”. Adesso, aggiunge Controzzi, non resta che chiamare a raccolta la comunità scientifica per condividere questa nuova prospettiva e trovare insieme quello che i ricercatori chiamano “l’algoritmo finale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
algoritmo
R
robot

Articolo 1 di 4