Roma-Milano in 30 minuti: l'italiana Alchimia sale a bordo del super-treno Hyperloop - CorCom

ALTISSIMA VELOCITA'

Roma-Milano in 30 minuti: l’italiana Alchimia sale a bordo del super-treno Hyperloop

La società di investimenti che fa capo all’imprenditore Paolo Barletta advisor del progetto. Obiettivo il debutto entro il 2030

11 Feb 2021

L. O.

Strada in discesa per l’arrivo in Italia di Hyperloop, il treno “supersonico” che promette di collegare Roma a Milano in 30 minuti. E considerato “game-changing technology”, fattore chiave del Green Deal europeo. Virgin Hyperloop guarda infatti al nostro Paese come prossimo mercato ad elevato potenziale e lo fa annunciando la scelta di Alchimia, società di investimenti che fa capo a Paolo Barletta, come unico advisor per l’Italia.

Studio di fattibilità in Italia

L’intenzione di Alchimia e VH è di realizzare uno studio di fattibilità in Italia coinvolgendo diversi partner del settore pubblico e privato. Lo studio verterà sull’analisi e la valutazione sistematica delle caratteristiche, dei costi e degli impatti ottenibili nel paese, relativi alla prima nuova modalità di trasporto degli ultimi cento anni. Attualmente si stanno esplorando i percorsi ottimali per la realizzazione di questo studio.

WHITEPAPER
Trasformazione digitale: le tecnologie più rilevanti per supportare la crescita delle aziende
Digital Transformation

“Solo pochi anni fa, Virgin Hyperloop era un progetto futuristico per molti e realizzabile per pochi – dice Paolo Barletta, Amministratore e Socio di Maggioranza di Alchimia –:  Alchimia ha riconosciuto sin da subito l’enorme potenziale di questa nuova modalità di trasporto. Oggi, grazie ai risultati raggiunti con i primi test con passeggeri a bordo e le positive riflessioni da parte della Commissione Europea, siamo fiduciosi di poter avviare significativi tavoli per portare questa nuova rete di trasporto hyperloop in Italia. Ciò che vorremmo creare è una metropolitana veloce di superfice, che possa rivoluzionare la logistica e il trasporto merci da un capo all’altro del paese, ricollegando i piccoli centri meravigliosi e autentici, recuperando il territorio e collegando le persone e i turisti in modo sostenibile, veloce e futuristico”.

“L’Italia ha un passato di investimenti in infrastrutture e trasporti volti a sostenere cittadini e turisti – dice Jay Walder, Ceo di Virgin Hyperloop -. Hyperloop può ridurre in minuti i viaggi che una volta richiedevano ore, fornendo un cambio di paradigma nel modo in cui pensiamo alla distanza e al tempo, non solo per le persone ma anche per il trasporto delle merci”. E aggiunge: “Portare l’hyperloop in Italia significherebbe stimolare una nuova industria creando posti di lavoro e prosperità socio-economica per il paese”.

Game-changing technology

Negli ultimi anni, Virgin Hyperloop ha lavorato con la Direzione Generale della Mobilità e dei Trasporti (DG Move) della Commissione Europea per creare politiche e piani di sicurezza che permettano la diffusione di questa nuova modalità di trasporto.

Recentemente, all’interno della strategia di mobilità intelligente e sostenibile della Commissione Europea, hyperloop è stato definito come una “game-changing technology”, un fattore chiave che permette all’Ue di raggiungere, come parte del Green Deal, il suo obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra legate al transito del 90%, entro il 2050. Lo sviluppo dell’hyperloop rappresenterebbe un passo in avanti nella riduzione delle emissioni nel settore dei trasporti e della logistica, assicurando all’UE un sistema di mobilità pulita, veloce, intelligente e accessibili a tutti.

Levitazione magnetica al centro

Combinando un motore elettrico ultra-efficiente, la levitazione magnetica e un ambiente a bassa resistenza, i sistemi hyperloop possono trasportare più persone di una normale metropolitana, ad una velocità paragonabile a quella di una compagnia aerea e con zero emissioni dirette. Con l’obiettivo di ottenere il certificato di sicurezza entro il 2025 e iniziare le operazioni commerciali entro il 2030, il sistema Virgin Hyperloop 100% elettrico potrebbe giocare un ruolo chiave nell’aiutare a raggiungere l’obiettivo di neutralità climatica del Green Deal europeo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA