Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SOCIAL NETWORK

Russiagate, Facebook chiude 270 account della “fabbrica di troll”

Colpo alla Internet Research Agency accusata di aver comprato spazi a pagamento sul social per diffondere fake news e influenzare elezioni straniere. Zuckerberg: “L’agenzia ha cercato di manipolare le persone in Usa, Europa e Russia. Non la vogliamo in nessuna parte del mondo”

04 Apr 2018

F. Me

Facebook ha chiuso 270 account di pagine e profili legati alla Internet Research Agency (Ira), la “fabbrica di troll” russa accusata di aver comprato spazi a pagamento sul social per diffondere fake news e influenzare elezioni straniere. Lo ha reso noto il ceo Mark Zuckerberg in un post. “Questa agenzia russa ha agito ripetutamente in modo ingannevole e ha cercato di manipolare le persone in Usa, Europa e Russia. Non la vogliamo su Facebook in nessuna parte del mondo”, ha scritto Zuckerberg. Gli account chiusi in questa circostanza costituivano “un network volto a manipolare i cittadini russi” e le persone russofone in Ucraina, Azerbaigian e Uzbekistan.

L’Ira, nata tre anni fa a San Pietroburgo, ha cominciato a far parlare di sé nell’autunno scorso, quando su Facebook – ma anche su Twitter e Google – è stata scoperta una rete di centinaia di account fasulli volti a diffondere contenuti divisivi e a influenzare le elezioni presidenziali americane. Da quel momento, sottolinea Zuckerberg, Facebook “ha migliorato le tecniche per impedire agli Stati di interferire in elezioni estere e ha costruito strumenti di intelligenza artificiale più avanzati per rimuovere gli account falsi”. Nelle elezioni presidenziali francesi, ad esempio, sono stati rimossi 30mila account fasulli.

L’accelerazione è stata impressa dallo scandalo Cambridge Analytica, la società di consulenza che avrebbe profilato i dati di 50 milioni di americani, influenzando – ma la cosa è ancora tutta da accertare – anche le ultime elezioni presidenziali Usa. Nei giorni scorsi il numero uno di Facebook ha ammesso che il social sta affrontando questioni legate alla sicurezza di particolare gravità e che ci vorranno anni per risolverli.

In un’intervista rilasciata a Vox, Zuckerberg ha tentato di rassicurare i due miliardi di persone che navigano sulla piattaforma social ma anche gli investitori, spiegando la stretta a cui si sta già lavorando per proteggere al meglio le informazioni personali e per limitare al massimo le attività di raccolta dati da parte di società terze. “Mi piacerebbe poter risolvere la questione in tre o sei mesi, ma la realtà è che alcuni di questi problemi richiederanno un periodo di tempo più lungo”. Facebook – ha assicurato il suo fondatore – ha comunque già iniziato a investire nelle questioni relative alla sicurezza almeno un anno fa.

“Se si tratterà di un processo di tre anni, siamo già nel primo anno – ha spiegato – e, si spera, entro la fine del 2018, avremo iniziato a voltare pagina su alcuni di questi problemi”. Ci sono almeno 14 mila dipendenti – ha aggiunto – che lavorano giorno e notte su questo, per rendere la piattaforma più sicura e per affrontare in maniera più efficace in futuro problemi come quello dell’interferenza russa nelle elezioni americane.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5