Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

REGOLAMENTAZIONE

Servizi premium indesiderati, Martusciello: “Via alla tutela 4.0”

Adottato da Agcom il nuovo Codice di autoregolamentazione, il Commissario relatore: “Più garanzie per gli utenti e per gli operatori del mercato”

15 Apr 2019

L. O.

Basterà un doppio clic per disattivare servizi premium indesiderati. E’ il frutto del Codice di Autoregolamentazione 4.0 per l’offerta dei servizi premium adottato da Agcom che punta a tutelare i consumatori salvaguardando le aziende che operano nel mercato.

In questo modo viene assicurata “più tutela per gli utenti, più garanzie per gli operatori del mercato” commenta il Commissario dell’authority Antonio Martusciello. “Solo garantendo il corretto sviluppo del business dei Servizi Premium, si possono assicurare i diritti dei clienti e la leale concorrenza tra i player del settore”, ha aggiunto Martusciello, relatore del provvedimento.

“Il nuovo codice – aggiunge il Commissario – ha come principale obiettivo quello di amplificare le tutele per il consumatore, da un lato ostacolando, mediante un doppio click, le attivazioni non richieste, dall’altro facilitare i rimborsi attraverso l’introduzione di un numero unico gratuito di Customer Care (800442299) grazie al quale l’utente può rapidamente conoscere i servizi premium attivi e, eventualmente, disattivarli”.

“Il nuovo sistema di gestione – prosegue Martusciello – prevede il controllo totale da parte degli operatori delle pagine di attivazione dei servizi e un Comitato di garanzia – cui partecipano anche i rappresentanti delle associazioni dei consumatori – che monitora l’efficacia delle misure e provvede a mantenerle aggiornate”.

Particolarmente apprezzabile, ha concluso Martusciello, è il fatto che il Codice di autoregolamentazione “sia frutto di una proficua sinergia tra regolatore, i principali operatori di telefonia del mercato italiano e alcuni dei maggiori Content Service Provider, volta a garantire maggior trasparenza nel mercato dei servizi a sovrapprezzo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

A
Antonio Martusciello

Approfondimenti

A
agcom
S
servizi premium

Articolo 1 di 5