Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INIZIATIVA

Toronto diventa smart city 4.0, sul piatto 1 miliardo di dollari

Sidewalk, la divisione di Google dedicata allo sviluppo urbano intelligente, trasformerà parte della metropoli canadese in un’area a elevata concentrazione di nuove tecnologie. L’avvio del progetto è previsto nel 2022, ma c’è da sciogliere il nodo privacy

25 Giu 2019

D. A.

Quasi un miliardo di dollari per trasformare Toronto in una vera smart city. È quanto ha intenzione di puntare Sidewalk, la divisione di Google che si occupa dello sviluppo urbano intelligente attraverso l’IoT, su un progetto di riqualificazione dell’area cittadina che si affaccia sul lago Ontario. Si tratta per l’esattezza di 980 milioni di dollari, da investire per creare semafori intelligenti, marciapiedi dinamici, piste ciclabili e pavimenti esterni riscaldati contro le rigide temperature invernali.

La genesi del piano risale al 2017, quando Mountain View aveva ricevuto anche il via libera delle autorità al progetto, e la prima fase di lavori potrebbe già iniziare nel 2022, ma dipenderà dalle approvazioni necessarie da parte delle autorità locali e del governo canadese. Sidewalk è consapevole che il processo di approvazione del suo progetto non è semplice, in quanto è necessaria una radicale revisione delle norme attuali. “Tutto è così nuovo che richiede un nuovo contesto regolamentare” per la gestione delle nuove tecnologie e l’esatta natura delle regole dovrà essere definita dal governo, spiega l’amministratore delegato di Sidewalk, Dan Doctoroff, affermando che l’obiettivo che “il progetto può centrare è storico”, con un impatto profondo sulla vita urbana.

Uno dei nodi da sciogliere è quello del trattamento dei dati personali: Google, dal canto, suo, ha ribadito che non li venderà, non li userà per la pubblicità e non li offrirà a terzi senza esplicito consenso del governo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5