Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

MERCATI

Tencent nel mirino dell’Antitrust cinese, traballa il gigante dello streaming

Sotto accusa gli accordi di esclusiva stretti con le grandi etichette Usa. In forse l’accordo per l’acquisizione del 10% di Universal Music

27 Ago 2019

L. O.

Tencent Music nel mirino dell’Antitrust cinese. La società con sede a Shenzen, campione asiatico nello streaming musicale, è accusata di violare le regole della concorrenza per gli accordi di esclusiva stretti con le grandi major discografiche Usa, in primis Universal Music, Sony Music Entertainment e Warner Music. Uno schema di gioco che costringe i concorrenti domestici ad accordi di sub-licenza con effetti di distorsione del mercato.

L’indagine, partita dall’authority per la Regolazione del mercato già in gennaio, potrebbe rappresentare uno stop alle ambizioni di espansione di Tencent. La società è in trattativa per acquistare il 10% di Universal Music (valutata 34 miliardi di dollari), una mossa che contribuirebbe a rafforzare la presenza in Asia del gigante musicale Usa.

Lo streaming musicale è il cavallo di Troia di Tencent. La sua app di karaoke WeSing è stata in cima alla classifica dei download nel Google Play delle Filippine dopo il lancio nel sud-est asiatico. Una parte delle quote di Tencent sono in possesso di Spotify.

Le tre mega-etichette discografiche hanno concesso i diritti esclusivi di una parte rilevante dei propri cataloghi a Tencent Music, controllata dal titano dei social media Tencent Holdings, ma anche sostenuta da Sony e Warner. La politica di sub-concessione di licenze ai rivali cinesi fa lievitare i prezzi anche del 100%.

La unit musicale di Tencent vanta la più grande offerta di contenuti musicali del paese con oltre 20 milioni di brani. Nel trimestre chiuso a giugno contava oltre 650 milioni di utenti attivi mensili e 31 milioni di abbonati paganti attraverso le sue app QQ Music, Kugou e Kuwo. Le entrate dei servizi di musica online sono aumentate del 20% a 1,56 miliardi di yuan (218 milioni di euro) nel periodo. Ma il margine lordo è sceso al 33% dal 40% nel trimestre di giugno in parte a causa della diminuzione delle entrate delle sub-licenze da piattaforme rivali.

A lungo un paradiso per la pirateria, la Cina è diventata uno dei 10 più grandi mercati musicali del mondo nel 2017 e lo scorso anno è salito alla settima posizione internazionale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

S
Spotify
T
tencent music

Approfondimenti

M
musica
S
streaming

Articolo 1 di 5