Terremoto Ericsson: sulla graticola anche il presidente Johansson - CorCom

IL CASO

Terremoto Ericsson: sulla graticola anche il presidente Johansson

Secondo la stampa svedese dopo l’uscita del Ceo Vestberg finisce nel mirino dei due principali azionisti anche il chairman Leif Johansson. Obiettivo del rimpasto: invertire i recenti risultati finanziari deludenti

19 Ago 2016

A.S.

Nelle scorse settimane aveva lasciato il suo incarico il ceo di Ericsson, Hans Vestberg, sostituito a interim dal Cfo Jan Frykhammar. Ma i cambiamenti ai vertici della multinazionale svedese non si fermerebbero a questo. A quanto trapela dalla Svenska Dagbladet, infatti, nel mirino dei due principali azionisti della società, Industrivarden e Investor, ora ci sarebbe anche il presidente Leif Johannson (nella foto).

L’obiettivo dell’auspicato nuovo cambio ai vertici, secondo quanto riportato dal giornale svedese, sarebbe quello di dare una scossa all’azienda e invertire il trend degli ultimi risultati finanziari, che gli azionisti avrebbero giudicato come deludenti. Questo nonostante alcuni delle voci di maggiore sofferenza della casa svedese riguarderebbero in realtà l’intero settore (come si può dedurre alla ristrutturazione annunciata proprio in questi giorni da Cisco e dal piano per il taglio dei costi di Nokia), e non siano imputabili in modo specifico a Ericsson.

Johansson è in carica come chairman di Ericsson dalla primavera 2011, e i due azionisti gli addebiterebbero di non essere riuscito a invertire il declino della società in borsa, con le azioni che si sono deprezzate di circa il 25% negli ultimi cinque anni, mentre l’intero indice di Stoccolma è sceso di una percentuale vicina al 45%

WEBINAR
Business Agility: come le linee di business possono essere protagoniste del cambiamento?
Digital Transformation
Risorse Umane/Organizzazione

Mentre le vendite rimangono piatte e i costi sono saliti, rilevano i più critici, Johansson ha approvato compensi più alti e bonus per Vestberg e per altri membri del senior management.

Avere ora un presidente in crisi di fiducia presso i due principali azionisti potrebbe tra l’altro complicare la ricerca del nuovo Ceo, tanto che secondo le indiscrezioni Industrivarden e Investor starebbero considerando l’idea di essere coinvolte in prima persona nelle operazioni di recruitment del nuovo amministratore delegato.