LA MOBILTAZIONE

Tim, il bonus da 900 euro per i dipendenti non basta: Cgil sciopera per il contratto

Mobilitazione e manifestazioni a Roma e Milano. Nel mirino della Slc la disdetta del contratto aziendale annunciata dalla compagnia e i trasferimenti da Torino a Roma

13 Mar 2017

F.Me

sciopero-lavoro-130704175132

Domani sciopero nazionale dei lavoratori Tim. Lo ha proclamato la Slc Cgil che ha organizzato due manifestazioni, una a Milano dove si concentreranno i lavoratori di tutte le regioni del centro-nord, e una a Roma per il centro-sud. “Sarà lo sciopero di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori di Tim – spiega la Slc Cgil – di un’azienda che, pur registrando i migliori risultati degli ultimi dieci anni, vuole lucrare ulteriormente sui salari e i diritti, e nel contempo eroga bonus di decine di milioni di euro ai soliti noti”.

Nel mirino della protesta anche la disdetta del contratto aziendale, in vigore dal 2008 e annunciata da Tim lo scorso 6 ottobre. “A seguito – spiegano dalla Slc – di questa disdetta unilaterale, vige un regolamento redatto dall’azienda che taglia pesantemente diritti e salario ai circa 50 mila lavoratori di Tim. Inoltre l’azienda vorrebbe l’introduzione di un sistema di controllo a distanza utile anche a comminare provvedimenti disciplinari, demansionamenti, flessibilità estrema dell’orario di lavoro ed altro ancora. Infine, in un crescendo di atti ostili nei confronti dei lavoratori, pochi giorni fa Tim ha consegnato le lettere di trasferimento verso Roma a circa 200 lavoratori di Milano e Torino con le evidente drammatiche conseguenze che tutto ciò potrebbe comportare”.

Ulteriore fatto grave – secondo la Slc – è che l’azienda evita di confrontarsi con il Coordinamento Nazionale delle Rsu, l’unico organo legittimato a rappresentare i lavoratori, (così come previsto dal Testo Unico sulla Rappresentanza sottoscritto da Cgil, Cisl e Uil insieme a Confindustria il 10 Gennaio 2014).

Il ramoscello d’ulivo, sottoforma di bonus, che l’azienda darà ai lavoratori con lo stipendio di aprile non ha dunque convinto la Slc. In occasione dell’incontro coi sindacati, l’Ad Flavio Cattaneo ha annunciato che l’azienda provvederà ad erogare al personale dipendente un premio una tantum con le prossime retribuzioni del mese di aprile. Si tratta di un bonus della media di circa 900 euro.

Nel corso dell’incontro l’Ad ha illustrato i tratti salienti del Piano Industriale 2017/2019 approvato dal Cda – cuore del piano gli 11 miliardi di investimenti in Italia – soffermandosi sulle strategie di sviluppo e sulle politiche commerciali e confermando in particolare l’obiettivo di proseguire nel percorso di significativa trasformazione ed efficientamento della società. “Il piano, come è noto, si propone di valorizzare Tim quale punto di riferimento del mercato in termini di qualità nel Fisso e nel Mobile attraverso politiche basate su contenuti, convergenza, servizi Ict, innovazione e prossimità al cliente”, si legge in una nota della compagnia.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
bonus
F
flavio cattaneo
S
sciopero
TIM

Articolo 1 di 4