Twitter, addio ai 140 caratteri? - CorCom

STRATEGIA

Twitter, addio ai 140 caratteri?

Il social network pronto a dire addio al limite dei cinguettii, secondo indiscrezioni rilanciate da ReCode. A luglio gli utenti mensili attivi hanno raggiunto i 316 milioni

30 Set 2015

Andrea Frollà

Sotto le pressioni della Borsa e sorpassato da Instagram per numero di utenti, Twitter studia il colpo a sopresa: abbandonare il limite dei 140 caratteri. Potrebbe essere questa la risposta della compagnia americana a Wall Street, dopo che il titolo è arrivato a valere oggi il 30% in meno rispetto a quello che valeva il 12 giugno, giorno dell’avvicendamento al vertice del cda tra Dick Costolo e Jack Dorsey.

L’indiscrezione arriva dal portale americano ReCode, che cita fonti ben informate sui piani del colosso di San Francisco, e se confermata configurerebbe una vera e propria rivoluzione per uno dei più popolati social network del pianeta. Nei mesi scorsi Twitter aveva modificato alcune funzionalità, ad esempio eliminando il limite dei 140 caratteri nei messaggi diretti, e ne aveva introdotte di nuove, come la possibilità di aggiungere un commento quando si effettua un retweet.

I caratteri limitati dei cinguetti sono finiti spesso nel bersaglio degli osservatori e degli analisti, che hanno evidenziato la difficoltà delle aziende nello sfruttare uno spazio ridotto per promuovere i propri prodotti e servizi. Così, il tratto distintivo di Twitter rischia ora di sparire in nome della ricerca di maggiori utenti e introiti pubblicitari.