LO STUDIO

Un solo device non basta più, l’always on è almeno “double”

Secondo le rilevazioni Gfk per Facebook, oltre il 60% delle persone utilizza quotidianamente almeno due dispositivi e il 20% ne utilizza tre. Lo smartphone vince per comunicare, il laptop per lavorare e il tablet per l’entertainment

07 Mar 2014

A.S.

Oltre il 60% delle persone utilizza quotidianamente almeno due dispositivi e il 20% ne utilizza tre. Il 77% usa lo smartphone per comunicare, l’86% accende laptop o pc per attività lavorative e il 50% accede al tablet per entertainment. Questi i dati principali emersi dallo studio “Multi-Device usage” commissionato da Facebook a GfK che svela abitudini e comportamenti delle persone in termini di utilizzo e frequenza dei dispositivi.

“Lo scenario tecnologico in cui le persone sono immerse quotidianamente è estremamente complesso per varietà e numerosità di punti di contatto con i consumatori ed è per questo fondamentale offrire esperienze basate su semplicità e fluidità in grado di assicurare rilevanza e comodità di utilizzo – afferma Luca Colombo, country manager di Facebook Italia – Ogni giorno sempre più persone accedono da due o più dispositivi e durante l’intera giornata utilizzano costantemente lo smartphone, una tendenza che è vera anche nel nostro Paese, se si osservano per esempio le abitudini della popolazione italiana su Facebook dove 24 milioni di persone sono attive mensilmente, di cui 18 da mobile e, di questi, 13 ogni giorno da smartphone e tablet. Ossia il 72% degli utenti che ritornano quotidianamente su Facebook. Questi risultati confermano l’importanza di evolvere interfaccia e usabilità per ottimizzare l’esperienza multi-device, garantendo agli utenti un accesso uniforme e coinvolgente”.

WHITEPAPER
La guida per scegliere il miglior antivirus gratuito per il tuo PC
Personal Computing
Privacy

“I diversi dispositivi, oggi parte integrante della nostra vita quotidiana – si legge in una nota di Facebook – vengono utilizzati in modo integrato e sempre più fluido da tutti. Le persone inoltre attribuiscono un ruolo differente a ciascun device: se lo smartphone è considerato il dispositivo per eccellenza in mobilità dal 77% degli intervistati, usato principalmente per comunicare e per accedere ai social media, il tablet è percepito dal 50% delle persone come un hub per l’entertainment domestico da condividere con gli altri membri della famiglia soprattutto tra le parete domestiche. Il ruolo del PC è invece per l’86% degli intervistati di supportare le attività lavorative e la gestione delle proprie finanze”.

La tecnologia è sempre più la compagna ideale per comodità e praticità; tutti coloro che fanno ricerche e necessitano di accedere a contenuti specifici ed entrare in contatto velocemente con i propri amici tendono a passare da un dispositivo all’altro. Oltre il 40% delle persone infatti inizia un’attività su un device per proseguirla su un altro per dimensioni dello schermo e della tastiera, un trend che cresce parallelamente all’aumentare del numero di dispositivi posseduti, raggiungendo il 54% di coloro che possiedono due dispositivi e il 73% di coloro che ne possiedono tre. Non sorprende quindi che il 60% degli intervistati prediliga l’uso del computer per terminare un’attività già iniziata e solo il 25% l’uso del tablet.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link