Vaccini Covid19, in aumento le truffe sul dark web: per una dose fino a 1.000 dollari - CorCom

IL CASO

Vaccini Covid19, in aumento le truffe sul dark web: per una dose fino a 1.000 dollari

La società di sicurezza informatica Check Point rivela un vertiginoso aumento di annunci-fake: chiesti pagamenti in bitcoin, ma la consegna delle fiale non avviene mai

13 Gen 2021

Veronica Balocco

Viene dalla società di sicurezza informatica Check Point la notizia di una nuova truffa messa a segno sul dark web: secondo quanto riferito, svariati venditori hanno pubblicato nel “web parallelo” un numero crescente di annunci per vaccini contro il Covid-19, chiedendo bitcoin come pagamento e poi non consegnando la merce.

La darknet è una porzione nascosta di Internet che richiede un software speciale per l’accesso. È noto per essere un luogo in cui acquistare droghe, armi da fuoco e altri beni illeciti. Mentre i Paesi di tutto il mondo si affrettano a lanciare programmi di vaccinazione, i truffatori online cercano di trarne vantaggio proprio attraverso questo ambiente “sommerso”.

Prezzi quadruplicati

La query di ricerca di Check Point per i vaccini sul dark web ha restituito oltre 340 annunci in 34 pagine, rispetto alle sole otto pagine di risultati di una query simile eseguita all’inizio di dicembre.
Il prezzo medio medio di 250 dollari per una dose di vaccino non specificata è ora raddoppiato o quadruplicato a 500 dollari, o addirittura fino a mille, afferma Check Point.

I ricercatori dell’azienda di sicurezza informatica hanno ordinato una dose di vaccino da un fornitore che hanno contattato tramite l’app di messaggistica crittografata Telegram. Ai ricercatori è stato offerto un vaccino prodotto in Cina per 750 dollari in bitcoin. Dopo che hanno pagato e inviato il loro indirizzo di consegna, l’account del venditore è stato cancellato e il pacco oggi deve ancora essere consegnato.
Tutti gli elenchi di vaccini richiedevano bitcoin per il pagamento, ha puntualizzato Check Point. Il bitcoin era considerato una forma di pagamento anonima, ma recentemente è diventato molto più tracciabile.

Obiettivo: chi non vuole attendere il turno di vaccinazione

WHITEPAPER
Gli step per costruire una percorso efficace di Cyber Security Awareness
Sicurezza

Check Point ha spiegato che questa crescita di annunci per i vaccini potrebbe essere dovuto al fatto che le persone non vogliono aspettarne uno. “Riteniamo che ciò sia dovuto a un picco nella domanda da parte di persone che non desiderano aspettare settimane o mesi per ricevere la vaccinazione dai governi dei loro Paesi”, ha affermato la società in un post sul blog.

Prescrizioni mediche disattese

Secondo Check Point, diversi truffatori hanno messo in vendita dosi di vaccino in quantità, piuttosto che in singole dosi. Uno di loro, ad esempio, si è detto pronto a vendere un ordine di 10mila fiale per un prezzo totale di 30mila dollari.
In tutto questo, poi, va considerato anche che un certo numero di annunci contraddice le indicazioni mediche ufficiali sulle dosi. Un venditore contattato da Check Point si è offerto di vendere un vaccino Covid-19 non specificato per circa 300 dollari di bitcoin e ha affermato che erano necessarie 14 dosi. Molti dei vaccini approvati, invece, richiedono solo due dosi.

“Sfortunatamente, mentre la maggior parte di noi guarda al vaccino con speranza, ci sono alcuni che guardano alla pandemia con avidità e malizia, allo scopo di capitalizzare le preoccupazioni delle persone sul Covid-19 e il desiderio di essere protetti contro il rischio di prenderlo“, ha scritto Check Point nel suo post sul blog.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5