INVESTIMENTI

ValueAct punta oltre 1 miliardo di dollari su Nintendo

L’investitore attivista americano sale al 2% della società giapponese del gaming convinta dalle sue strategie e dal potenziale di crescita nel business del software: “Diventerà un colosso dell’entertainment”

22 Apr 2020

Patrizia Licata

giornalista

L’investitore attivista ValueAct Capital Partners ha acquisito una partecipazione del 2%, per un valore di oltre 1,1 miliardi di dollari, in Nintendo. Una scommessa sull’industria del gaming ma soprattutto sul business della distribuzione di software digitale e sullo sviluppo di prodotti innovativi per l’intrattenimento da parte del colosso giapponese dei giochi e delle console. Lo riporta Reuters che ha visionato la lettera inviata da ValueAct ai suoi investitori. ValueAct ha iniziato a comprare azioni di Nintendo ad aprile del 2019, accrescendo gradualmente la sua quota. L’investitore attivista ha accumulato circa 2,6 milioni di azioni. 

Nella lettera la società, al cui portafoglio partecipano investitori istituzionali e individuali, descrive il futuro di Nintendo come brillante e sottolinea che la casa giapponese ha un forte potenziale di crescita nel business del software ed è ben posizionata per trasformarsi in un vero colosso dell’entertainment.

Nintendo come Netflix, Disney+ e Apple Music

“Siamo a conoscenza del fatto che ValueAct possiede una quota e stiamo dialogando con loro. Non divulghiamo il contenuto di tali incontri ai nostri investitori”, ha chiarito un portavoce di Nintendo.

ValueAct non ha rilasciato commenti, ma ha confermato di aver tenuto diversi incontri con manager di Nintendo e che crede nella vision del suo ceo Shuntaro Furukawa.

ValueAct afferma che Nintendo non ha vissuto lo stesso boom delle aziende del software per videogames come EA e Activision, ma sostiene che adesso Nintendo sta conducendo una solida transizione digitale che darà i suoi frutti. Inoltre, ValueAct crede nella capacità dell’azienda giapponese di diventare una vera entertainment company. “Pensiamo che Nintendo sarà uno dei più grandi servizi di media digitali al mondo, in una categoria che la affiancherà ad aziende come Netflix, Disney+, Tencent Interactive Entertainment e Apple Music”.

Gli investitori Usa guardano al Giappone

WHITEPAPER
Vita da CEO: quali sono gli strumenti necessari ai manager per vincere le sfide professionali
CIO
Digital Transformation

A differenza di altri investitori attivisti che spingono per un cambio nelle strategie o chiedono di nominare propri membri nel cda di un’azienda target, ValueAct preferisce lavorare dietro le quinte col management. La lettera che ValueAct ha mandato ai suoi investitori afferma che i suoi soci potrebbero fornire indicazioni utili a Nintendo, avendo servito nei board di Microsoft e Adobe.

Gli investitori attivisti americani stanno puntando con decisione su alcune aziende giapponesi dai bilanci solidi. Per ValueAct si tratta del terzo investimento effettuato in Giappone negli scorsi quattro anni. L’ultimo risale a poche settimane fa, quando ValueAct ha acquisito una partecipazione del 7% in JSR, produttori di materiali per chip e display. L’anno scorso, invece, il socio di ValueAct Rob Hale è entrato nel cda di Olympus, società giapponese specializzata nelle apparecchiature ottiche e fotografiche.

Boom per tutta l’industria dei giochi

I produttori di videogames stanno vivendo una forte crescita nelle vendite dei titoli più recenti come diretta conseguenza delle misure di contenimento varate dai governi mondiali contro l’epidemia di coronavirus. Le persone costrette la maggior parte del tempo a stare in casa si rivolgono all’intrattenimento digitale e ne guadagnano anche aziende come Nintendo: l’ultima versione della serie Animal Crossing per Nintendo Switch, dal titolo New Horizons, è stata messa in vendita il 20 marzo e ha venduto più di 1,8 milioni di copie nei primi tre giorni in Giappone. In Uk ha venduto più copie nella prima settimana di tutte le precedenti serie messe insieme, come riportano le testate di settore. “Sono risultati oltre le aspettative”, ha commentato l’analista di Niko Partners, Daniel Ahmad.

In forte crescita anche il segmento dei giochi online as a service e dei giochi con elementi social che permettono di giocare insieme agli amici e tenersi in contatto e divertirsi insieme anche senza vedersi di persona.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

N
Nintendo

Approfondimenti

C
coronavirus
E
entertainment
G
gaming
V
Videogames

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2