IL REPORT

Venture capital, 2 miliardi per le startup italiane. Triplicati gli investimenti in un anno

In forte aumento anche il supporto alle nuove aziende con sede all’estero fondate da connazionali, che passa da 52 a a 919 milioni. In Lombardia il maggior numero di operazioni, la regione da sola vale il 39% del mercato. La fotografia scattata da Aifi

22 Feb 2022

Veronica Balocco

startup-160203165104

Il 2021 si è chiuso con 317 operazioni di venture capital nel mercato italiano (initial e follow on): nel 2020 erano state 234  (+35%). E se si guarda solo ai nuovi investimenti, initial, questi sono stati 285 rispetto ai 200 del 2020. Per quanto riguarda l’ammontare investito sia da operatori domestici che esteri in startup italiane, il valore si attesta a 992 milioni di euro distribuiti su 291 round, in aumento rispetto ai 543 milioni per 223 operazioni del 2020. Allo stesso modo, cresce anche l’ammontare investito in realtà estere fondate da imprenditori italiani che passa da 52 milioni a 919 milioni di euro e da 11 a 26 operazioni. Sommando queste due componenti, il totale complessivo si attesta a 1,9 miliardi di euro (erano 595 milioni nel 2020).

Sono i dati che emergono dal Rapporto di ricerca 2021 del Venture capital monitor (VeMtm), compilato dall’omonimo Osservatorio attivo presso Liuc Business School e realizzato grazie al contributo di Intesa Sanpaolo Innovation Center ed E. Morace & Co. Studio legale e al supporto istituzionale di Cdp Venture Capital Sgr e Iban, con l’obiettivo di sviluppare un monitoraggio permanente sull’attività di early stage istituzionale svolta nel nostro Paese.

“I dati del 2021 mostrano che un’attività di filiera che vede la partecipazione di pubblico e privato, di sgr e soggetti di natura differenti, produce risultati eccezionali e valori che non avevamo mai visto in Italia – afferma Innocenzo Cipolletta, presidente Aifi -. Ora serve consolidare questa curva di crescita e premere l’acceleratore, anche grazie all’attività dei fondi di fondi istituzionali, per accompagnare la trasformazione del nostro paese e supportare l’innovazione”.

“La filiera del venture capital ha registrato numeri da record nelle operazioni initial, cioè il primo ingresso in una startup, segno che il mercato è costituito da operatori vivaci e capaci di impegnarsi in nuove iniziative nonostante il contesto di incertezza economica e finanziaria – aggiunge Anna Gervasoni, professore Liuc dell’Università Cattaneo -. L’Italia ha tutti i numeri per competere con l’innovazione internazionale nei settori più all’avanguardia come l’Ict e il lifesciences ma anche in quelli più tradizionali come l’agrifood che nello scorso anno ha catalizzato l’8% degli investimenti”.

Technology transfer, corporate venture capital e filiera dell’early stage

Il totale degli investimenti in TT (Technology Transfer) 2021 è stato pari a 76 milioni di euro su 49 operazioni. Questi risultati sono arrivati grazie anche all’impatto dei fondi della piattaforma ITAtech che a oggi hanno raccolto complessivamente oltre 300 milioni di euro realizzando, dal 2018, 90 investimenti per un ammontare totale pari a circa 120 milioni di euro (compresi i co-investitori). Con riferimento all’attività di corporate venture capital, nel 2021 si conferma l’evidenza recente che vede una notevole presenza di imprese nei round di venture capital. In particolare, è stata registrata la partecipazione delle corporate negli investimenti a supporto delle realtà imprenditoriali nascenti o nella fase di primo sviluppo in circa il 32% dei round complessivi, in netto aumento rispetto al 2020.

WHITEPAPER
Startup: quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
Open Innovation
Startup

Relativamente alle sole startup con sede in Italia, venture capital e corporate venture capital hanno investito 462 milioni di euro su 184 round, le attività di sindacato tra venture capital, corporate venture capital e business angel hanno fatto registrare investimenti pari a 530 milioni di euro su 107 operazioni e i soli business angel hanno investito 87 milioni in 95 round. Il totale di queste attività porta la filiera dell’early stage in Italia ad aver investito oltre 1 miliardo di euro su 386 round. Aggiungendo anche gli investimenti in startup estere con founder italiani, il totale complessivo si attesta a oltre 2 miliardi di euro su 417 round.

Lombardia al primo posto, Ict il settore più rappresentato

Come per gli anni passati, a livello di investimenti initial, la Lombardia è la Regione in cui si concentra il maggior numero di operazioni, 110, coprendo il 39% del mercato (era il 42% nel 2020, ma con un numero inferiore di deal, 83). Seguono Lazio (9%) e Piemonte (poco meno del 9%).

Dal punto di vista settoriale, l’Ict monopolizza l’interesse degli investitori di venture capital, rappresentando una quota del 35% delle società target. L’Ict è costituito per un 37% da operazioni su startup nel comparto dei digital consumer services, e per il 63% su società con focus su enterprise technologies. A seguire, il 14% delle target oggetto di investimenti initial è stato diretto verso i servizi finanziari, il 13% verso l’Healthcare e l’8% verso l’Agrifood.

Un anno di accelerazione nonostante il contesto di difficoltà

“I dati del Venture capital monitor confermano la crescita costante dell’attività di investimento nelle startup, superando per la prima volta la soglia psicologica del miliardo di euro di capitali raccolti – fa notare Maurizio Montagnese, presidente di Intesa Sanpaolo Innovation Center – . Il 2021 è stato un anno particolarmente vivace per il venture capital, nonostante il contesto economico reso difficile dalla crisi pandemica. Per il nostro Gruppo è sempre più strategico sostenere finanziariamente le startup e avviare partnership con primari operatori internazionali per accelerare il loro percorso di sviluppo con iniziative di impatto sui territori. L’attività di Neva Sgr, la società di venture capital del Gruppo controllata al 100% da Intesa Sanpaolo Innovation Center, conferma l’interesse in imprese ad alto potenziale di crescita soprattutto nei settori chiave per l’economia del futuro”.

“Se nel 2020 i business angel hanno mostrato una notevole resilienza nell’affrontare l’incertezza legata alla pandemia, il 2021 è senz’altro un anno di accelerazione”, dichiara Paolo Anselmo, presidente di Iban. “Gli investimenti in syndication con i venture capital crescono e sono prevalenti nelle scelte di investimento degli angel italiani. È poi quasi raddoppiato, arrivando a circa 90 milioni di euro, il valore degli investimenti dei soli business angel. Sono dati che testimoniano una sempre crescente vitalità degli investitori informali in Italia e il ruolo chiave che rivestono per la nascita e la crescita della startup italiane”.

“Il venture capital è storicamente intrecciato con l’innovazione tecnologica prodotta dalle startup. Molto si è detto in diritto sui modelli societari, ma poco sul tema del capitale di conoscenze immateriali, ossia la proprietà intellettuale non incorporata nel brevetto, ma che è nelle teste del team e nella cultura aziendale. Come proteggerla è ben chiaro alle grandi imprese, un po’ meno alla startup, ma in effetti ci sono sistemi di tutela che vengono riconosciuti dai giudici e meritano una considerazione da parte dell’impresa” ha dichiarato Pierluigi De Biasi, partner dello studio legale E.Morace & Co.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5