Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INTERNET

Vita più dura per l’hating online, i social network si “piegano” alle regole Ue

Positiva la risposta dei social al Codice di condotta voluto dalla Commissione europea. Più rapidi i tempi di rimozione di fake news e contenuti xenofobi. Vera Jourova: “Ma attenzione, continuiamo a monitorare”

04 Feb 2019

Meno spazio all’hate speech: Facebook, Google e Twitter si stanno rimboccando le maniche per stringere all’angolo i messaggi a contenuto razzista o xenofobo. Lo rileva la Commissione Ue nella “pagella” assegnata alle web company sul “codice di condotta” siglato con le aziende Usa nel 2016, che prevede per le società inadempienti multe pari al 4% dei ricavi annuali.

Nel 2018 è stato rimosso il 72% di contenuti di hating. Non solo: la velocità di risposta è in forte aumento rispetto a due anni fa, quando fu rimosso solo il 28% di contenuti antisociali.

“Oggi, dopo due anni e mezzo, possiamo dire di aver trovato il giusto approccio e stabilito uno standard in tutta Europa proteggendo, nello stesso momento, la libertà di parola”, dice Vera Jourova, commissaria europea per la giustizia , consumatori e uguaglianza di genere.

Ma attenzione: “I buoni risultati raggiunti non significa che le aziende siano fuori dai guai – ha detto Jorouva -. Continueremo a monitorare i social da vicino: metteremo in atto ulteriori misure se gli sforzi rallenteranno”.

Il rapporto Ue rileva che Facebook sta rimuovendo l’82% dei discorsi di incitamento all’odio sulla propria piattaforma, rispetto al 28% del 2016. Una buona notizia per lo stesso social entrato pesantemente nel mirino delle autorità per la gestione di disinformazione e fake news. La scorsa settimana la società ha rimosso quasi 800 pagine e account falsi collegati all’Iran.

Twitter al contrario registra una lieve diminuzione della quantità di contenuti eliminati. Secondo il rapporto è stato eliminato nel dicembre 2018 il 43,5% di messaggi di hating contro il 45% di dicembre 2017. Karen White, direttore delle politiche pubbliche di Twitter per l’Europa, sostiene che la società sta prendendo in carico l’88% di tutte le notifiche ricevute entro 24 ore. “Abbiamo inoltre migliorato le nostre politiche di sicurezza, rafforzato i sistemi di segnalazione, aumentato la trasparenza con gli utenti e introdotto oltre 70 modifiche per migliorare la correttezza delle conversazioni”, ha affermato. “Vogliamo continuare a collaborare con la Commissione europea, i governi, la società civile e l’industria”.

La Commissione europea definisce “discorso d’incitamento all’odio” il contenuto che esplicita “l’istigazione pubblica alla violenza o all’odio nei confronti di gruppi o individui sulla base di determinate caratteristiche, tra cui etnia, colore, religione”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5