Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

FISCO

Web tax, la Ue stringe i tempi: sprint da Francia e Germania

A marzo la proposta comunitaria. L’annuncio del ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire: “L’accordo va trovato prima delle elezioni”. Ma resta l’incongnita dei Paesi contrari come Irlanda e Danimarca. La Commissione Ue a lavoro per abolire il diritto di veto e facilitare l’approvazione delle norme

21 Gen 2019

F. Me

A marzo potrebbe essere pronta la web tax Ue. L’annuncio lo ha dato il ministro delle Finanze francese, Bruno Le Maire, in un’intervista pubblicata sul Journal du Dimanche.

“Abbiamo proposto un compromesso alla Germania a dicembre e sono convinto che un accordo sarà raggiunto da qui alla fine di marzo – ha spiegato Le Maire – Con le imminenti elezioni europee, i nostri cittadini troverebbero incomprensibile un passo indietro su questo fronte”.

A dicembre i ministri Ue riuniti in ambito Ecofin non sono riusciti a raggiungere un’intesa sulla tassa per i proventi delle attività digitali nonostante la proposta tampone franco-tedesca di circoscrivere l’azione a imprese come Google e Facebook (cioè con fatturato globale superiore ai 750 milioni di euro).

Sulla web tax europea la Francia aveva spinto per un’aliquota del 3% su vendite e servizi online nella Ue da parte di aziende con un fatturato globale di almeno 750 milioni di euro più e vendite online di almeno 50 milioni. Il piano era stato revisionato al ribasso dopo la bocciatura dell’ultimo Ecofin (contrarie Irlanda, Danimarca, Finlandia e Svezia) anche alla luce di timori di eventuali ripercussioni nei rapporti Europa-Usa. La nuova proposta, più light, prevedeva una tassa del 3% sulle entrate derivanti dalle vendite online per un numero di aziende molto inferiore rispetto a quello iniziale, ma nemmeno così è arrivato il via libera. La tassa richiede il sostegno di tutti i 28 stati dell’Ue.

E per accelerare la Commissione europea sta valutando la possibilità di eliminare il potere di veto da parte dei governi dell’Unione sulle iniziative comunitarie di natura fiscale per arrivare finalmente all’approvazione dellaweb tax: in base alle norme attuali, le modifiche sulle tasse devono ottenere l’unanimità dei paesi-membro. Tuttavia, l’iniziativa di Bruxelles trova proprio nel potere di veto il suo primo ostacolo: per eliminare il veto occorre che nessuno eserciti il veto.

Bruxelles chiederà ai leader dell’Ue di considerare un nuovo sistema basato sulla maggioranza qualificata per i voti sulle politiche fiscali. Con tale sistema basterebbero 16 sì su 28 paesi Ue per approvare una norma o una modifica.

Il requisito dell’unanimità ha finora impedito di procedere speditamente su una politica fiscale comunitaria, secondo la Commissione, nonché sull’approvazione di norme su tematiche cruciali come il cambiamento climatico, l’economia digitale e l’energia. L’anno scorso la web tax europea, dopo l’input dell’esecutivo Ue, è stata più volte discussa in sede Ecofin, ma con un nulla di fatto, tanto da spingere diversi paesi, tra cui Italia e Austria, a procedere con schemi normativi su scala nazionale.

La Commissione ha intenzione di suggerire ai paesi Ue di far uso della cosiddetta clausola passerella del trattato dell’Unione europea che permette cambiamenti nei metodi di voto. Ma attivare tale clausola richiede l’unanimità dei paesi Ue ed è qui che il piano della Commissione potrebbe infrangersi.

Tra i paesi che sostengono l’azione di Bruxelles, scrive Politico.eu, ci sono l’Italia, Francia, Spagna e Portogallo ma contro si sono schierati l’Irlanda, Malta, Svezia e Cipro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
bruno le maire
C
commissione europea
W
web tax

Articolo 1 di 5