Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OVER THE TOP

Whatsapp alla conquista dei desktop, guerra a Telegram e Skype

Arrivano le app dedicate per computer Windows e Mac: ora device mobile e fisso dello stesso utente sono “in sync”. L’azienda migliora l’esperienza finale e strizza l’occhio all’utenza enterprise

11 Mag 2016

WhatsApp, il servizio di messaggistica con oltre 1 miliardo di utenti attivi, in gran parte sui device mobili, parte alla conquista dei desktop. La società di proprietà di Facebook ha annunciato le nuove app dedicate per Windows 8 e Mac Os 10.9 e versioni superiori.

Le app sincronizzano l’account utente mobile di WhatsApp con il suo computer, in modo più semplice ed efficiente rispetto a quanto si poteva fare finora. Prima d’oggi, infatti, per usare WhatsApp da deskop occorreva passare per un web client chiamato WhatsApp Web mentre le nuove app hanno “supporto nativo”, come ha indicato la società, migliorando l’esperienza finale.

Per portare WhatsApp e tutte le sue funzioni anche su desktop l’utente deve andare sul sito di WhatsApp, scaricare un file in base al sistema operativo del proprio terminale fisso e scannerizzare un codice QR dallo smartphone su cui è già attivo WhatsApp per la convalida.

Questa evoluzione intensifica la concorrenza mossa da WhatsApp alle altre piattaforme di messaggistica over the top, soprattutto quelle che hanno avuto molto successo su desktop e tra i clienti business, come Slack. Anche Telegram, iMessenger, WeChat e Skype sono concorrenti cui WhatsApp vuole sottrarre fette di mercato con nuove feature che attraggono anche l’utenza enterprise.

Anzi, il recente completamento della encryption end to end e ora il lancio delle app per desktop fanno parte, secondo alcuni osservatori, della stessa strategia in cui rientrano gli account B2C che WhatsApp sta testando e che, dopo la cancellazione dei 99 centesimi all’anno richiesti per il rinnovo del proprio profilo, potrebbero rappresentare un’importante fonte di ricavi per la piattaforma di Facebook.