WikiLeaks, Assange non potrà essere estradato negli Usa. La decisione del giudice UK - CorCom

LA SENTENZA

WikiLeaks, Assange non potrà essere estradato negli Usa. La decisione del giudice UK

Secondo quanto stabilito, il trasferimento renderebbe “sostanziale” il rischio di suicidio. Possibile ricorso in arrivo

04 Gen 2021

Veronica Balocco

Il giudice britannico Vanessa Baraitser ha stabilito oggi che il fondatore di WikiLeaks Julian Assange, uno degli informatori di più alto profilo al mondo, non potrà essere estradato negli Stati Uniti. Secondo la Baraitser, l’estradizione sarebbe “opprimente a causa della salute mentale di Assange”.

Nella sua sentenza, il giudice spiega che “l’impressione generale è quella di un uomo depresso e talvolta disperato, che è sinceramente timoroso per il suo futuro”. “Per tutti questi motivi – aggiunge -, trovo che il rischio di suicidio del signor Assange, se dovesse essere emesso un ordine di estradizione, sia sostanziale“. Gli Stati Uniti dovrebbero presentare ricorso contro la decisione entro il termine di due settimane assegnato.

Diciotto accuse a carico

Assange è ricercato negli Stati Uniti per la pubblicazione nel 2010 e nel 2011 di centinaia di migliaia di documenti militari classificati e comunicazioni diplomatiche. È ricercato con diciotto accuse, diciassette delle quali rientrano nella legge statunitense sullo spionaggio.
La sua salute è peggiorata mentre era detenuto nella prigione di Belmarsh, nel Regno Unito, nel sud-est di Londra. È stato restituito alla prigione dopo l’udienza in tribunale e mercoledì verrà presentata una domanda completa per la sua cauzione.

WHITEPAPER
Quali sono le prospettive del futuro per il lavoro agile?
Digital Transformation
Risorse Umane/Organizzazione

I sostenitori: “Perseguitato per motivi politici”

Gli Stati Uniti hanno specificamente accusato Assange di aver cospirato con l’analista dell’intelligence militare Chelsea Manning per decifrare una password nota come “hash”, al fine di accedere a un computer classificato del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ed esporre segreti militari.
I sostenitori di Assange sostengono che gli Stati Uniti lo stiano prendendo di mira per motivi politici dopo che il suo giornalismo ha rivelato presunti crimini di guerra in Afghanistan e Iraq, nonché violazioni dei diritti umani.
Se il 49enne australiano venisse estradato e condannato negli Stati Uniti, potrebbe essere condannato a 30-40 anni di prigione, hanno detto i suoi avvocati.

“Preoccupati per il possibile ricorso”

In una dichiarazione rilasciata fuori dal tribunale lunedì, la compagna di Assange, Stella Moris, ha affermato che la vittoria di lunedì è stato il primo passo verso la giustizia in questo caso. “Siamo lieti che la corte abbia riconosciuto la gravità e la disumanità di ciò che ha sopportato e di ciò che deve affrontare”, ha detto. “Ma non dimentichiamo che l’accusa negli Stati Uniti non è stata ritirata – ha concluso -. Siamo estremamente preoccupati che il governo degli Stati Uniti abbia deciso di presentare ricorso contro questa decisione“.

@RIPRODUZIONE RISERVATA