Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

AL VERTICE

Yahoo!, Jason Kilar al timone?

Secondo Bloomberg l’attuale numero uno di Hulu è tra i papabili alla nomina di ceo. In lizza anche L’Ad ad interim Ross Levinsohn

06 Lug 2012

Potrebbe essere il numero uno di Hulu il prossimo amministratore delegato di Yahoo! Secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg, Jason Kilar sarebbe nella lista di papabili che include anche l’attuale amministratore delegato ad interim Ross Levinsohn. La società è alla ricerca di un nuovo numero uno, dopo che a maggio Scott Thompson si è dimesso sulla scia delle polemiche scatenate da pasticci con il curriculum (aveva dichiarato di avere una doppia lauree in informatica e contabilità, ma quella in informatica, che avrebbe dovuto essere stata ottenuta allo Stonehill College di Easton, in Massachusetts, era inesistente). Il nuovo amministratore delegato sarà chiamato al difficile compito di rivitalizzare la crescita della società, possibilmente restando in carica più lungo dei suoi predecessori: da gennaio 2009, quando l’allora ceo Carol Bartz è stata licenziata con una mail, al vertice di Yahoo! si sono avvicendate tre persone (prima Tim Morse, poi Thompson e infine Levinsohn).

Lo scorso aprile Yahoo! ha annunciato tagli per 2.000 unità, ovvero il 14% del totale pari a 14.000 dipendenti a livello globale. con l’obiettivo di risparmiare ogni anno 375 milioni di dollari. “L’azione odierna è un nuovo passo verso una nuova Yahoo! più piccola, redditizia e meglio attrezzata a innovare in modo veloce come i clienti e l’industria richiedono”, afferma l’amministratore delegato di Yahoo!,

Secondo il sito AllThingDigital, i licenziamenti saranno trasversali e toccheranno tutte le divisioni aziendali, in particolare la divisione prodotti. Anche le divisioni tecnologie di advertising e diritto dei media sono in una situazione di limbo e potrebbero essere cedute sotto forma di joint venture. Duramente colpite anche le divisioni di ricerca e il marketing.