Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CASO

Parlamentarie, va in tilt il sito 5 Stelle

la piattaforma alla corsa per l’autocandidatura, il movimento proroga di qualche ora la deadline per le iscrizioni di chi aspira a un seggio in parlamento. Il blog del M5S: “Tantissime persone stanno partecipando a questa prova di democrazia”. Ieri la bacchettata del Garante privacy su Rousseau: “Dati degli utenti a rischio”

03 Gen 2018

La corsa all’autocandidatura per le parlamentarie 5 Stelle ha mandato in tilt il sito del movimento, tanto che è stato necessario prorogare il termine per la presentazione delle domande dalle 12 alle 17 di oggi, per “smaltire” il traffico online e consentire agli aspiranti deputati e senatori dell’organizzazione fondata da Beppe Grillo di mettersi in regola con la presentazione online dei documenti necessari. Una vicenda che va ad aggiungersi al pronunciamento del Garante per la Privacy di ieri, secondo cui è necessario apportare modifiche alla piattaforma per il voto online “Rousseau” per tutelare gli iscritti.

L’annuncio della proroga dei termini per la presentazione delle autocandidature era arrivato in mattinata dal blog del movimento cinque stelle: “Le parlamentarie sono un successo – si legge nel messaggio – Tantissime persone stanno partecipando a questa prova di democrazia del M5s unica forza politica che si apre alle persone di buona volontà e le fa votare dai suoi iscritti e non dai capi di partito”.

Secondo quanto ricostruito dal blog del movimento, il blocco sarebbe stato causato dall’eccessivo traffico nell’ultima ora utile per la presentazione delle autocandidature, tra le 11 e le 12, con un picco di accessi che ha messo gli organizzatori sull’avviso di concedere una proroga “per poter garantire la più ampia partecipazione”.

Secondo le regole stabilite dal movimento in vista delle elezioni politiche e amministrative in programma per il 4 marzo, tutti gli iscritti che abbiamo voglia di candidarsi dovranno prima aderire all’ “Associazione Movimento 5 stelle”. Per riuscirci si deve accedere al sito con le proprie vecchie credenziali, spostarsi sulla pagina di modifica del profilo ed aspettare l’ok che ufficializza l’iscrizione. Soltanto a quel punto ci si potrà fare avanti per la candidatura, posizionandosi ai nastri di partenza delle parlamentarie da cui scaturiranno i nomi che prenderanno parte alla competizione elettorale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5