SPONSORED STORY

Digithera sceglie ITFinance per “arricchire” la e-fattura

L’integrazione di CreditShield abilita le strategie dei clienti in ottica risk management grazie a una serie di funzionalità evolute e all’accesso a tutta una serie di informazioni costantemente aggiornate

01 Lug 2020

Gianluigi Torchiani

La fatturazione elettronica tra privati è un mercato che per via dell’obbligo normativo si è rapidamente affollato di operatori, che cercano di intercettare la domanda di professionisti, piccole, medie e grandi aziende. In questo contesto, diventa sempre più difficile caratterizzare la propria offerta, che si trova esposta al rischio comoditizzazione. La partita può essere affrontata e vinta soltanto facendo ricorso all’innovazione, in primo luogo con l’introduzione di servizi aggiuntivi e di valore rispetto a quelli base proposti da tutte le software house che affollano il comparto.

Questa la strada intrapresa da Digithera, società specializzata nella fatturazione elettronica e nella conservazione digitale, grazie alla collaborazione con un player come ITFinance: “Siamo attivi nella fatturazione elettronica ma anche nella dematerializzazione di tutti i documenti fiscali, di qualunque formato e in tutti i processi correlati – racconta a CorCom Gerri Cipollini, ceo di Digithera (nella foto) -. I nostri punti di forza sono una semplicità estrema di utilizzo delle soluzioni e un prontissimo servizio clienti, che ha l’obiettivo di accompagnare anche i non addetti ai lavori. Siamo stati capaci di cogliere l’onda della fatturazione elettronica in un momento in cui il mercato era ancora abbastanza sgombro e questo ci ha permesso di acquisire un gran numero di clienti di dimensioni completamente variabili: passiamo dal professionista alla media impresa sino alla grande realtà, garantendoci un posizionamento di mercato abbastanza interessante, potremmo dire di fascia alta”.

In questi anni di attività Digithera ha deciso di andare oltre la semplice elaborazione della fatturazione elettronica, cercando di proporre dei servizi capaci sfruttare la grande quantità di informazioni presenti nelle fatture dei 55.000 clienti che sinora hanno scelto le sue piattaforme. La partnership con ITFinance rende disponibili dei servizi che non sono legati direttamente al ciclo documentale, ma che possono comunque essere d’ausilio ai clienti finali, abilitando scelte più efficaci dal punto di vista del business. “Abbiamo compreso che sarebbe stato estremamente importante offrire uno strumento, completamente integrato, che permettesse di supportare i processi decisionali dei nostri clienti.  E così abbiamo introdotto nella nostra piattaforma Creditshield di ITFinance, che rende possibile offrire tre diversi servizi ai nostri clienti. CreditScore, che grazie a una sorta di visualizzazione semaforica rende possibile visualizzare in tempo reale la salute finanziaria di un’azienda in un certo momento storico”. L’azienda puntualizza di avere messo a disposizione dei clienti il collegato business report integrale, “che vediamo particolarmente interessante perché focalizzato sulla relazione commerciale e non soltanto su potenziali logiche finanziarie”. Il terzo servizio ha a che fare con l’arricchimento delle anagrafiche, permettendo l’accesso a tutta una serie di informazioni costantemente aggiornate. “Abbiamo cominciato a diffondere questi servizi un mese fa, proponendoli fin da subito i nostri clienti. Ci rendiamo conto che non è facilissimo far passare questi messaggi, dal momento non sempre le aziende italiane sono predisposte per la cura degli aspetti preventivi. Mi aspetto, però, che questo approccio prenda progressivamente sempre più piede, penso anzi che possa darci anche aiutarci nell’acquisizione di nuovi clienti”.

L’integrazione delle soluzioni ITFinance nella piattaforma Digithera si è rivelata molto semplice, grazie a uno scambio efficace dei contenuti di natura tecnica. Che hanno consentito di rendere fruibili i servizi con il minor numero di click possibili. “Esiste una sinergia completa tra le due realtà, che ha permesso lo sviluppo di logica puramente win-win, dal momento che si tratta di due modelli di business perfettamente complementari – evidenzia Giovanni Maria Martingano, amministratore unico di ITFinance-. Digithera ha un approccio mentale proattivo in materia fatturazione elettronica, grazie a investimenti e soluzioni che cercano di offrire valore ai clienti. È vero che la cultura del risk management in Italia sconta ancora un gap di tipo culturale, che porta le nostre aziende ad essere creative sul lato dell’inventiva ma meno pronte a una gestione prudente e preventiva. Si tratta di uno scoglio da superare, ma sono convinto che il forte periodo di crisi legato al covid-19 possa spingere le aziende a una maggiore verifica della solidità delle proprie controparti”. “Da parte nostra – continua il manager – la strategia è incentrata sul fatto che ci rivolgiamo non agli utenti finali, ma esclusivamente a Software House e System Integrator che abbiano la visione di innovare la loro offerta per essere costantemente il punto di riferimento sul mercato per completezza e che trovano in ITFinance il Partner tecnico che gli garantisce la risoluzione di tutte le complesse tematiche di compliance normativa. Per questo motivo, partner come Digithera che mirano ad integrare i servizi Fintech di ITFinance in modalità Plug&Play per ottenere una differenziazione sul mercato ed un time to market praticamente immediato, rappresentano una opportunità di crescita e di sviluppo congiunto molto importante”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

G
gerri cipollini

Aziende

D
digithera
I
ITFinance

Approfondimenti

E
e-fattura
F
fattura elettronica

Articolo 1 di 5