Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CLOSING

Sia si rafforza nella monetica e si prende il business di First Data

La società di servizi e infrastrutture di pagamento rileva per 387 milioni di euro le attività di processing per alcuni Paesi dell’Europa centrale e sud-orientale. Il Ceo Nicola Cordone: “Puntiamo a diventare il primo provider indipendente di pagamenti digitali in Ue”

01 Ott 2018

A. S.

Sia acquisisce da First Data le attività di processing della monetica in alcuni Paesi dell’Europa Centro e Sud-orientale, per un’operazione da 387 milioni di euro. Ad annunciare il closing è la società hi-tech specializzata in nel settore dei servizi e delle infrastrutture di pagamento. Nello specifico, l’acquisizione riguarda i servizi di processing e produzione carte, call center e back-office relativi a 13,3 milioni di carte di pagamento, 1,4 miliardi di transazioni nonché la gestione di più di 300.000 terminali Pos e 6.500 Atm, principalmente in 7 paesi: Grecia, Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania, Serbia e Slovacchia.

Nel 2017, queste attività hanno portato a First Data ricavi complessivi per circa 100 milioni di euro. A seguito dell’operazione – si legge in una nota di Sia, First Data mantiene l’impegno nel business europeo del processing, focalizzandosi sulla propria base clienti, principalmente attraverso la piattaforma VisionPlus.

“Siamo particolarmente orgogliosi di aver completato con successo l’acquisizione delle attività di processing della monetica di First Data nell’Europa centro e sud-orientale che ci permette di essere il primo player in quell’area – afferma Nicola Cordone, Ceo di Sia (nella foto) – Grazie all’acquisizione, i ricavi di Sia aumenteranno, su base pro-forma 2017, di circa il 18% con un significativo incremento del fatturato dall’estero che passerà dal 20% al 33% del totale, raggiungendo circa 670 milioni di euro. Questa operazione – conclude – rappresenta un significativo passo nella nostra strategia di diventare il principale provider indipendente di pagamenti digitali in Europa”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA