L'OPERAZIONE

Fintech: Lutech annuncia la nascita di Finwave, realtà da 50 milioni di euro

Frutto dell’unione di Arcares, Finance Evolution e Liscor a breve coinvolgerà anche CstTech. Il ceo Pirovano: “Importante volano per la crescita nel settore delle financial solutions e del credit management”

06 Lug 2022

Veronica Balocco

Tullio Pirovano CEO Lutech

Lutech, realtà attiva nei servizi e soluzioni Ict, annuncia la nascita della nuova realtà It di servizi e prodotti finanziari Finwave spa dalla fusione di Arcares, Liscor e Finance Evolution, che coinvolgerà a breve anche CstTech. L’ingresso nel gruppo Lutech già aveva permesso a queste realtà di affermarsi e crescere in un mercato che si consolida e che richiede realtà dotate di grande massa critica finanziaria e strutturale.

Le società, che afferiscono all’industry financial services del gruppo Lutech, negli ultimi anni hanno intrapreso lo stesso percorso strategico e diventano oggi un’unica realtà da 50 milioni di euro che unisce conoscenze e competenze di tutti i professionisti che le compongono: factoring, leasing, consumer finance, Utp, Npl, banking, securities e regolamentazione.

Volàno per la crescita nelle financial solutions e credit management

“Per il gruppo Lutech, la nascita di Finwave rappresenta un importante volano per la crescita nel settore delle financial solutions e del credit management – ha dichiarato Tullio Pirovano, ceo del gruppo Lutech -. Questa fusione ci permette di divenire più forti, più strutturati e più credibili, creando una grande e solida realtà per clienti, partner, offrendo le migliori opportunità di sviluppo per il team che ne è il vero protagonista”.

WHITEPAPER
Pagamenti digitali: la sfida si contende sul campo dell’Intelligenza Artificiale
Pagamenti Digitali
Digital Payment

Finwave, grazie alle expertise verticali di ciascuna delle realtà confluite, ha l’obiettivo di diventare la realtà di riferimento in Italia nel mondo delle soluzioni di gestione del credito – ha affermato Willy Burkhardt, ceo di Finwave – sia nel mondo dei crediti in bonis sia in quelli deteriorati (Utp e Npl) e potrà guidare le aziende del settore nel proprio percorso di trasformazione digitale end-to-end. Questo ci permette di avere approcci diversificati su più target, dai piccoli intermediari finanziari ai grandi gruppi bancari, in tutte le aree di nostra competenza, in maniera scalabile e flessibile”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5