L'OPERAZIONE

Insurtech, Generali Italia al 10,8% del capitale di Yolo. Salirà al 18% entro il 2022

Prima tranche di investimento da 2,5 milioni: il gruppo assicurativo entra nel capitale della fintech italiana e rafforza la proposta digitale grazie all’open innovation e alleanze innovative. Anche con le telco

09 Ago 2021

Patrizia Licata

giornalista

insurtech

Generali Italia entra nel capitale di Yolo group, la prima insurtech italiana nel settore dell’ideazione, progettazione e realizzazione di piattaforme per la commercializzazione di prodotti assicurativi digitali. L’operazione prevede un investimento di 2,5 milioni di euro – già effettuato – per entrare con il 10,8% nel capitale e mira ad arrivare progressivamente al 18% entro il 2022.

Il gruppo assicurativo potenzia così la sua trasformazione digitale e rafforza la compagine azionaria della insurtech italiana, in cui figurano, tra gli altri, Neva Sgr e Intesa SanPaolo Vita, lead investor nei precedenti round di finanziamento. L’investimento di Generali Italia, sottolinea il gruppo in una nota, è volto ad ampliare il modello distributivo di Genertel.

Genertel: più prodotti on-demand; partnership con telco e utility

L’operazione fa seguito infatti alla collaborazione già avviata da alcuni mesi da Vita con Genertel, la compagnia assicurativa di Generali Italia fondata nel 1994 che oggi è fra le prime assicurazioni dirette in Italia.

WHITEPAPER
Come evolve l’Open Banking? Diventa Open Finance: scarica la guida
Amministrazione/Finanza/Controllo
Finanza/Assicurazioni

Inoltre Genertel, insieme a Yolo, amplierà il suo modello distributivo potendosi avvalere anche di partner presenti in nuovi settori come le telco e le utilities, offrendo le proprie polizze assicurative tramite una piattaforma digitale completa di prodotti on demand e tradizionali, che unisce l’esperienza e l’affidabilità della compagnia alla piattaforma tecnologica di Yolo.

Come partner di Vita crediamo fortemente nell’importanza di innovare anche attraverso sinergie con player di rilievo come Yolo group, per garantire un’offerta assicurativa che soddisfi le nuove necessità delle persone. Intercettare i bisogni dei clienti, anticipare le loro aspettative e progettare nuove soluzioni assicurative e nuove modalità di fruizione delle stesse è una sfida che ci appassiona giorno dopo giorno”, hanno dichiarato Marco Sesana, Country manager & ceo di Generali Italia e Global business lines e David Cis, chief operating officer di Generali Italia. “In Yolo group abbiamo trovato un partner solido e innovativo e siamo certi che insieme potremo lavorare al meglio”.

Per Yolo group crescita internazionale e investimenti hitech

“Siamo orgogliosi di poter contare sul supporto di una delle più importanti realtà assicurative e finanziarie internazionali. Con Generali Italia Yolo group entra in una nuova fase del suo percorso di crescita”, ha dichiarato Gianluca De Cobelli, amministratore delegato di Yolo group. “Il piano industriale punta ad accelerare la crescita, anche internazionale, valorizzando il crescente interesse del mercato assicurativo verso la digitalizzazione dell’offerta”.

L’ingresso di Generali Italia nel capitale sosterrà Yolo group nella realizzazione del piano di sviluppo che prevede anche un ulteriore round di finanziamento (Round B), il cui avvio è previsto a settembre. Le risorse saranno impiegate per potenziare la piattaforma tecnologica, incrementare gli accordi distributivi e dare impulso all’espansione internazionale, avviata con una presenza diretta in Spagna, partnership distributive in Regno Unito e Irlanda e una partnership nei data analytics con una compagnia assicurativa giapponese.

Per facilitare la raccolta, aperta come nei round precedenti ai soci attuali e a nuovi investitori, Yolo group ha trasformato la propria forma giuridica in società per azioni.

Il mercato insurtech in Italia e l’open innovation di Generali

A livello internazionale il 2021 si è aperto co una netta ripresa degli investimenti sull’insurtech, che hanno già superato il record del 2019, recuperando alla grande il rallentamento dell’anno della pandemia. L’Italia è ancora indietro e l’Insurtech Innovation Index, elaborato da Italian Insurtech Association con l’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico di Milano, le assegna appena la sufficienza. Ma molto si sta facendo per cogliere l’onda insurtech che in Europa è ben visibile: nei primi mesi del 2021 si sono già riversati 1,8 miliardi con 34 round superiori ai 2 milioni. A questa cifra si aggiunge ora l’investimento di Generali Italia in Yolo.

Da diversi mesi il gruppo Generali spinge sull’open innovation. Quest’anno è entrato nel capitale di Ridemovi (ex Mobike) e nel business della smart mobility. Banca Generali, attraverso un fondo, ha di recente partecipato all’aumento di capitale della startup webidoo con Tim ventures e a fine 2020 ha deciso di scommettere sul mercato delle criptovalute guidando un aumento di capitale di 14 milioni per la startup Conio, di cui propone i servizi ai suoi clienti.

Yolo è l’unica azienda italiana presente nella lista delle Top 100 Insurtech stilata ogni anno da Fintech Global. Fondata nel 2017 da Simone Ranucci e Brandimarte e Gianluca De Cobelli, la startup si è subito proposta in un’ottica di collaborazione e non di contrapposizione con le compagnie tradizionali, come distributore innovativo di polizze anch’esse innovative: on-demand, pay-per-use, micro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

G
Generali Italia

Approfondimenti

I
insurtech

Articolo 1 di 4